Quali sono le differenze tra conti correnti e carte conto con iban

Conti correnti e carte / conto con IBAN sono due strumenti simili per la gestione della liquidità ma hanno caratteristiche differenti che evidenziamo di seguito.

CARTE CONTO CON IBAN (tralasciare quelle senza IBAN)

Innanzitutto invitiamo a prendere in considerazione solo le carte conto dotate di IBAN, perchè consentono di ricevere stipendi e bonifici (ed effettuarli) e di addebitate automaticamente il pagamento delle bollette tramite domiciliazione (oltre che ad avere il numero di carta di pagamento utilizzabile online e nei negozi).
Per questo sono le uniche equiparabili ad un conto corrente, ed inoltre sono anche molto più economiche della carte senza IBAN che generalmente hanno svariati costi per ogni operazione soprattutto di ricarica; costi inesistenti per carte con IBAN perchè possono essere alimentate con bonifico:

IL CONTO CARTA CON IBAN MIGLIORE DEL MERCATO (clicca per approfondire)

E’ il conto carta con IBAN più innovativo del mercato, attivabile in pochi minuti tramite smartphone (o pc), basta fotografare il documento di identità senza documentazione cartacea.
Non essendo un conto corrente non è prevista nessuna imposta di bollo statale
Canone mensile –> a partire da 0 euro con tutte le operazioni gratuite incluse
Costo prelievi bancomat in tutto il mondo –> 0
Costo ricarica con bonifico –> 0
Bonifici –> 0
Possibilità di compravendere bitcoin e mantenerli in un portafoglio (ed utilizzarli per gli acquisti se accettati dall’acquirente)
Codice via SMS per autorizzare acquisti online –> gratuito
Messaggio informativo in tempo reale per ogni movimentazione –> gratuito
Possibilità di bloccare e riattivare la carta tramite l’app in tempo reale solo per l’utilizzo per evitare clonazioni –> servizio gratuito e illimitato
Per informazioni sulle condizioni dei vari profili e per usufruire della promo (clicca)

Tuttavia lasciare troppa liquidità su conti e carte può essere rischioso per i punti visti in questo articolo (clicca per approfondire) ed è possibile anche scegliere una carta conto con IBAN con la possibilità di investire/disinvestire in tempo reale il proprio capitale tramite app:

• conto carta con IBAN completamente gratuito per canone, addebito stipendio e operazioni bancarie
• possibilità di investire con un click su vari profili di gestione in base al proprio profilo di rischio
• possibilità di variare da un profilo all’altro in base alle tue esigenze e all’andamento del mercato: portafogli costruiti in ETF (quindi a basso costo) da un team di specialisti del settore
• possibilità di disinvestire il portafoglio in ogni momento (bloccando i guadagni e spostando la liquidità sul conto carta) per poi riattivarlo quando lo riteniamo più opportuno (è possibile “freezare” il portafoglio con un tap in momenti di incertezza dei mercati)
• possibilità di investire una quota mensile partendo da 50 euro senza costi di caricamento (storicamente la strategia di investimento che ha portato ai maggiori guadagni nel medio periodo anche in caso di calo dei mercati perchè gli acquisti temporali mediano il valore di ingresso dell’investimento)
• possibilità di investire a partire da 2000 euro e di effettuare versamenti aggiuntivi anche in una fase successiva (senza costi di attivazione e di performance)

CONTI CORRENTI

Come vedremo di seguito i conti correnti sono strumenti più completi che consentono attività non disponibili utilizzando le carte conto, tuttavia proprio per questo motivo (e a causa dei depositi a tassi negativi presso la BCE) i conti correnti gratuiti stanno scomparendo e le banche sono costrette a recuperare i costi tramite canoni mensili anche elevati e costi inerenti i bonifici, i prelievi o altre attività: evidenziamo il seguente conto corrente gratuito sia per quanto riguarda il canone, sia per la possibilità di effettuare bonifici senza costi e prelievi gratuiti su tutti i bancomat (clicca per la promo).

TASSAZIONE CONTI CORRENTI E CARTE CONTO

Le carte conto generalmente non sono soggette a nessun tipo di tassazione (tranne rari casi da verificare nel contratto) mentre i conti correnti prevedono un’imposta di bollo statale di 34,20 euro all’anno se sul conto è presente una giacenza media superiore a 5000 euro, sotto i 5000 anche la tassazione dei conti correnti è nulla.

DIFFERENZE TRA CONTI CORRENTI E CARTE CONTO CON IBAN

CON ENTRAMBI E’ POSSIBILE:

  • ricevere ed effettuare bonifici
  • domiciliare utenze, pagare bollette e ricaricare cellulari
  • prelevare dai bancomat e pagare nei negozi fisici
  • fare acquisti online grazie alla presenza di una carta legata ai circuiti visa e mastercard (non tutti i conti correnti hanno carte con queste caratteristiche quindi è necessario verificare la tipologia di carta legata al conto corrente)

SOLO CON IL CONTO CORRENTE E’ POSSIBILE:

  • mantenere liquidità illimitata sul conto (anche miliardi di euro, mentre sulle carte conto è presente un limite)
  • incassare ed emettere assegni
  • richiedere un assegno circolare (generalmente utilizzati per l’acquisto di un’abitazione)
  • richiedere un deposito titoli legato al conto corrente per effettuare investimenti (con le carte conto le possibilità di investimento al momento sono limitate)
  • richiedere una carta di credito legata al conto corrente per acquisti fisici e online
  • possibilità di andare in rosso sul conto corrente per spese impreviste (possibilità non prevista con le carte conto ma attenzione agli elevatissimi interessi da pagare)

IL PORTAFOGLIO DI INVESTIMENTO CHE HA RADDOPPIATO IL CAPITALE IN POCHI ANNI: visualizza la composizione e l’andamento in tempo reale (approfondisci)


MIGLIOR GESTIONE PATRIMONIALE INNOVATIVA ANCHE PER PICCOLI RISPARMI + CONTO/CARTA CON CANONE E OPERAZIONI GRATUITE (approfondisci)


COME INVESTIRE IN BITCOIN E CRIPTOVALUTE (approfondisci)





RESTA AGGIORNATO SUI FUTURI ARTICOLI: CLICCA MI PIACE

TUTTE LE SEZIONI


CERCA UN ARGOMENTO FINANZIARIO


Copyright © COSA MUOVE I MERCATI per SoldiOnline.it 
riproduzione consentita riportando il nome e il link della fonte

” COSA MUOVE I MERCATI ” è un approfondimento di SoldiOnline.it
Dal 1998 leader in Italia nell’informazione economica, offre analisi ed approfondimenti indipendenti sui mercati finanziari

Lo scritto è redatto a solo scopo informativo, non rappresenta sollecitazione al pubblico risparmio e non svolge alcuna attività di intermediazione finanziaria. Contiene messaggi pubblicitari, il lettore si assume ogni responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate per investimenti da esso effettuati. Ogni investimento può essere soggetto a perdite finanziarie

Precedente Le azioni con dividendi % più elevati (dati aggiornati a dicembre 2019 in previsione del 2020) Successivo L'Italia a 10 anni da Lehman Brothers