Tassi negativi e aumento costi conti correnti: ecco i conti gratuiti e gli strumenti per guadagnare con la liquidità

La reiterata politica dei tassi negativi della BCE per supportare i debiti pubblici e i mercati (vedi approfondimento) sta impattando in modo negativo sui bilanci degli istituti bancari.
Per i poco esperti specifichiamo che avere un sistema con tassi negativi significa che le banche devono “pagare” una % per parcheggiare il denaro in eccesso dei clienti presso i depositi BCE, ecco perchè si parla di tassi negativi (una delle conseguenze della politica monetaria “espansiva”), situazione anomala visto che in un mercato normale la liquidità viene remunerata con un tasso di interesse positivo.

Questa situazione sta creando problemi alla redditività delle banche perchè paradossalmente più la clientela deposita denaro sui conti senza investirlo, più i costi della banca aumentano. Per ovviare a questa problematica gli istituti stanno ribaltando questi costi sulla clientela: o in modo esplicito variando le condizioni del conto corrente cioè allineando i tassi del conto ai tassi negativi della BCE (quindi facendo pagare la % al cliente per il deposito di denaro), oppure in modo “mascherando” variando le condizioni del conto aumentandone i costi fissi e di gestione delle varie operazioni.

Questa politica è implementata soprattutto verso la clientela più “fedele” con conti correnti più datati perchè le banche sono consapevoli della pigrizia (o menefreghismo) di questa clientela nel cercare sul mercato proposte differenti e più vantaggiose.

Ormai in media un conto corrente viene a costare circa 100 euro all’anno di costi fissi a cui bisogna aggiungere almeno 1 euro di commissione per ogni bonifico anche se effettuato online e in media 2 euro per ogni prelievo fatto in bancomat differenti dalla propria banca. A tutto questo bisogna aggiungere ulteriori costi se si vuol chiedere la carta di credito e la ricaricabile, senza contare i costi esorbitanti in caso di investimenti con commissioni di gestione, di ingresso, di uscita e di custodia che annullano gran parte dei possibili guadagni.

In questo conteso però non mancano le offerte sul mercato che consentono sia di avere conti correnti senza costi (ne fissi ne di gestione), sia di remunerare il capitale. Questo perchè le società fintech (sfruttando le nuove tecnologie) possono permettersi di abbattere i costi di gestione oltre ad avere bilanci più solidi perchè non oberati da tutte le problematiche che la crisi ha creato agli istituti di credito con una gestione tradizionale. Inoltre ricordiamo che per legge la chiusura di un conto corrente è completamente gratuita:

DI SEGUITO RIPORTIAMO LE MIGLIORI PROPOSTE DEL MOMENTO PER ABBATTERE I COSTI SUI CONTI E PER REMUNERARE I RISPARMI:

CONTO CORRENTE GRATUITO CON LA POSSIBILITA’ DI UTILIZZO DELLE FILIALI (clicca per approfondire)

Per chi necessita di un conto online e la possibilità di utilizzo delle filiali con canone gratuito, bonifici online gratuiti e 24 prelievi gratis annui ovunque.
Per visualizzare la promo che consente di ottenere 100 euro di benvenuto sul conto corrente (CLICCA)


Conto online gratuito + conto deposito con interessi migliori del mercato (clicca per vedere le condizioni)

Probabilmente il miglior conto online del momento, totalmente gratuito per tutte le operazioni e con un conto deposito avente interessi migliori del mercato, banca con CET1 intorno al 50%, parametro analizzato in precedenza che indica la solidità della banca, la media degli altri istituti è tra il 10% e il 20%.
Essendo nata successivamente alle varie crisi bancarie ha un bilancio “pulito” e non è stata colpita da tutte le problematiche del sistema finanziario degli anni precedenti, inoltre utilizzando solamente canali digitali riesce ad avere un abbattimento dei costi di gestione molto elevato che consente di proporre questa offerta.
Per informazioni e per aprire il conto anche da mobile sfruttando la promozione del momento, recarsi sul sito della banca da questo link (clicca)

DI SEGUITO RIPORTIAMO LE MIGLIORI PROPOSTE DEL MOMENTO PER ABBATTERE I COSTI SULLE ATTIVITA’ DI INVESTIMENTO:

Generalmente i costi maggiori applicati dalle banche tradizionali riguardano le commissioni di investimento, infatti (oltre alle commissioni di gestione) applicando anche commissioni di ingresso, di uscita e di custodia annullano buona parte dei possibili guadagni (soprattutto in un contesto di tassi negativi). Anche in questo caso per tagliare tutti questi costi è possibile rivolgersi a sim e banche specializzate in investimento.
Per chi non ha dimestichezza con gli investimenti è preferibile una società di consulenza indipendente senza legami con i vari istituti bancari in modo che possa proporre soluzioni senza conflitto di interessi in base ai vari profili di rischio dei clienti

MIGLIOR GESTIONE PATRIMONIALE INDIPENDENTE CHE HA RADDOPPIATO IL CAPITALE IN POCHI ANNI (clicca)

Segnaliamo la seguente società fintech votata più volte consecutivamente negli ultimi anni come la migliore nel campo della consulenza finanziaria indipendente per i costi di gestione più bassi del mercato (non avendo commissioni di ingresso, di uscita o di performance potendo gestire il capitale via web senza il costo dei promotori) e guadagni più elevati.
Essa gestisce una pluralità di portafogli globali in base al proprio profilo di rischio ed è possibile chiudere la posizione gratuitamente in ogni momento: si parte dal profilo 1 per chi vuole tutelare il capitale diversificando e cercando di incrementarlo con rischi minimi, fino ad arrivare al profilo 7 che ha più che raddoppiato il capitale in pochi anni, con la possibilità di passare da un profilo all’altro in base alla situazione del mercato o alle proprie esigenze del momento. In questo modo si ottiene sia la tutela dei risparmi in caso di svalutazione dei conti correnti per l’uscita dall’euro (essendo il capitale investito globalmente in modo diversificato), sia la tutela dei risparmi in caso di fallimento della banca (essendo i capitali investiti e non depositati sul conto):

Per maggiori informazioni sull’andamento dei portafogli e per registrarsi gratuitamente sfruttando la promo (clicca)


MIGLIOR INTERMEDIARIO DI COMPRAVENDITA TITOLI (clicca per approfondire)

Per chi cerca un intermediario finanziario per il solo accesso alle borse e l’acquisto dei titoli finanziari alle commissioni più basse del mercato (anche in questo caso non si tratta quindi di un conto corrente) è disponibile questa società per investitori privati che offre le stesse tariffe di accesso ai mercati finanziari generalmente riservate agli investitori professionali: azioni italiane a 0,05% + 50 cent euro (max 5 euro); azioni Usa a 0,004$ ad azione + 50 cent euro; derivati Italia 1 euro a contratto, USA 50 cent $ a contratto (altri paesi vedi dettagli). Per informazioni e per aprire il conto anche da mobile, recarsi sul sito della banca da questo link (clicca)


Monitoriamo continuamente le condizioni offerte, tuttavia non siamo responsabili di possibili variazioni contrattuali apportate dalle società in modo repentino quindi invitiamo a leggere attentamente i fogli informativi aggiornati.
Non siamo responsabili dei contratti stipulati autonomamente dal lettore con l’intermediario


Ricordiamo che gli investimenti possono comportare il rischio di perdita del capitale.

I PIU’ LETTI




RESTA AGGIORNATO SUI FUTURI ARTICOLI: CLICCA MI PIACE

IN EVIDENZA

PROMOZIONI AGGIORNATE (clicca): conti correnti e deposito, carte e investimenti




TUTTE LE SEZIONI


CERCA UN ARGOMENTO FINANZIARIO


Copyright © COSA MUOVE I MERCATI per SoldiOnline.it 
riproduzione consentita riportando il nome e il link della fonte

” COSA MUOVE I MERCATI ” è un approfondimento di SoldiOnline.it
Dal 1998 leader in Italia nell’informazione economica, offre analisi ed approfondimenti indipendenti sui mercati finanziari

Lo scritto è redatto a solo scopo informativo, non rappresenta sollecitazione al pubblico risparmio e non svolge alcuna attività di intermediazione finanziaria. Contiene messaggi pubblicitari, il lettore si assume ogni responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate per investimenti da esso effettuati. Ogni investimento può essere soggetto a perdite finanziarie

Precedente Draghi a fine mandato: cosa ha fatto in dettaglio per salvare la zona euro Successivo Come gestire gli investimenti dopo il rialzo finanziario più lungo della storia