Quali sono i rischi di perdere i risparmi e come gestire il patrimonio

Elenchiamo i maggiori rischi che possono incombere attualmente sul patrimonio e le migliori soluzioni per tutelarlo:

  • tassa patrimoniale per abbattere il debito pubblico, cioè un prelievo su conti correnti, investimenti e patrimonio immobiliare da utilizzare per diminuire il debito.
  • uscita dall’euro con relativa svalutazione di tutto il patrimonio che verrebbe ridenominato in lire svalutare (sarebbe una vera e propria patrimoniale mascherata che servirebbe a svalutare cioè a diminuire tutto il debito pubblico e la spesa pubblica a discapito dei risparmi e stipendi anch’essi svalutati, clicca per approfondire).
  • fallimento dello stato con relativa ristrutturazione del debito pubblico: in pratica lo stato dichiarando default restituirebbe solo parte del debito ai creditori (vedi come funziona il debito pubblico), i quali perderebbero parte del capitale investito inizialmente (ricordiamo che la maggior parte dei creditori dello stato italiano sono i cittadini italiani tramite banche e fondi che quindi vedrebbero tagliato il loro patrimonio, come vedremo in dettaglio nell’articolo).
  • bail-in cioè utilizzo della liquidità dei correntisti oltre 100 mila euro per la ristrutturazione del bilancio di banche in difficoltà (sotto 100 mila euro il capitale dovrebbe essere tutelato da fondo interbancario).
  • possibilità di perdite o fallimento degli investimenti finanziari dovuti alla crisi.

Vediamo le soluzioni alle problematiche elencate in precedenza:

TASSA PATRIMONIALE

Nel caso remoto di una tassa patrimoniale sarebbe l’unica situazione in cui è impossibile sfuggire all’imposizione pubblica sul risparmio, anche avendo capitali o investimenti all’estero regolarmente dichiarati essi rientrano nel calcolo della patrimoniale (a meno di non avere capitali all’estero non dichiarati ma questo è un reato penale punito anche con il carcere).

USCITA DALL’EURO

Nonostante il ritorno alla lira sia altamente improbabile è sempre importante conoscere le conseguenze di un evento visto che un’uscita dall’euro sarebbe a tutti gli effetti una tassa patrimoniale sui risparmi perchè sul mercato globale delle valute (forex vedi) la lira perderebbe dal 20% al 50% di valore rispetto all’euro (vedi perchè), quindi i risparmiatori che hanno denaro e investimenti in italia perderebbero parte del patrimonio da un giorno all’altro e per evitare questo ci sarebbe una fuga di capitali preventiva verso l’estero per tutelarli dalla svalutazione (quindi continuare a parlare di uscita dall’euro è deleterio per il nostro paese e un vantaggio per altri stati che in questa situazione attirando capitali in uscita dal nostro paese).
Come possiamo intuire, a differenza di una patrimoniale vera e propria, in questa situazione è possibile utilizzare alcuni accorgimenti per tutelare il capitale:

  • investire i risparmi diversificano globalmente il patrimonio, in questo modo si tutela il capitale sia in caso di implosione dell’euro (essendo i risparmi investiti nelle varie valute globali) sia in caso di fallimento dell’istituto bancario. Per chi non fosse in grado di gestire il patrimonio in modo indipendente è meglio rivolgersi ad una società di gestione patrimoniale non legata ad istituti bancari visti gli elevati costi (che spesso erodono il capitale) e il conflitto di interessi che generalmente porta a creare un portafoglio poco diversificato. La seguente società è stata votata più volte consecutivamente negli ultimi anni come la migliore per quanto riguarda la consulenza finanziaria indipendente per i costi di gestione più bassi del mercato, senza commissioni di ingresso ne di uscita e i risultati migliori (clicca per approfondire), essa gestisce una pluralità di portafogli globali in base al proprio profilo di rischio ed è possibile chiudere la posizione gratuitamente in ogni momento: si parte dal profilo 1 per chi vuole preservare il capitale cercando di incrementarlo con rischi minimi, fino ad arrivare al profilo 7 che ha raddoppiato il capitale in pochi anni con la possibilità di passare da un profilo all’altro in base alla situazione del mercato. In questo modo si ottiene sia la tutela dei risparmi in caso di uscita dall’euro perchè investiti globalmente in modo diversificato, sia la tutela del capitale in caso di fallimento bancario. Per maggiori informazioni e registrarsi gratuitamente (clicca).
  • aprire un conto o deposito estero in valuta forte (come in svizzera in franchi o in germania che in caso di implosione dell’euro avrebbe un marco rivalutato) è sicuramente una possibilità ma poco pratica. Da sfatare il concetto di evasione perchè basta inserire il conto estero nella dichiarazione dei redditi per essere in regola. Tuttavia è una procedura sconsigliata per proteggersi dalla svalutazione (sicuramente utile per altre questioni finanziarie che però non riguardano questo argomento) anche se esiste qualche società fintech che consente l’apertura di conti esteri online (clicca per approfondire).
  • acquistare azioni e/o bond di mercati esteri: su borsa italiana sono quotati molti titoli di diritto estero, quindi acquistando questi titoli si sta effettuando direttamente un investimento estero (con relativa valuta annessa) in modo molto più semplice e veloce rispetto ai punti precedenti. Ovviamente è possibile anche acquistare titoli direttamente su borse estere in tempo reale. MIGLIOR INTERMEDIARIO PER INVESTIRE CON COMMISSIONI PIU’ BASSE DEL MERCATO (clicca per approfondire).
  • investire in etf o fondi comuni di investimento: in questo caso si acquistano quote di fondi di ogni genere quindi i nostri risparmi possono essere spostati ovunque nel globo in base al nostro interesse e alla valuta prescelta. A differenza dei fondi comuni gli etf sono fondi quotati in borsa ed acquistabili come ogni altro titolo, hanno costi di gestione minori e seguono l’andamento del mercato scelto, a differenza dei fondi di investimento che sono gestiti e quindi possono avere performance peggiori o migliori del mercato, in base alle scelte del gestore: CLICCA PER APPROFONDIRE

FALLIMENTO STATALE

In questo caso il rischio maggiore lo corre chi ha finanziato lo stato italiano investendo nel nostro debito pubblico o acquistando direttamente i titoli di stato (bot, btp ecc ecc) o indirettamente tramite fondi o gestioni patrimoniali bancarie ed assicurative (vedi cos’è il debito pubblico).
Indirettamente anche azioni, bond e soprattutto le banche del paese (che possiedono molto debito pubblico) risentirebbero negativamente di questa situazione quindi chiunque è esposto finanziariamente al sistema italia avrebbe dei problemi.

In questa situazione la soluzione è analoga al problema di uscita dall’euro specificato precedentemente e cioè diversificare il patrimonio investendo globalmente. Sottolineiamo in ogni caso che lo stato italiano non è mai fallito nella sua storia ed ha sempre onorato il debito pregresso e chiunque abbia investito nei titoli del nostro paese (soprattutto in momenti di crisi con tassi elevati) ha sempre ottenuto ottimi guadagni (vedi come funziona il mercato del debito).
Investire PARTE del patrimonio in titoli italiani è comunque un’ottima scelta perchè a fronte dei rischi remoti che stiamo analizzando, consentono ritorni maggiori rispetto ad altri titoli perchè maggiormente penalizzati dalla crisi.

BAIL-IN

E’ consuetudine di molte persone mantenere tutto il denaro su un unico conto corrente in un’unica banca senza investireQuesto tipo di scelta non è ottimale, anzi è molto rischiosa dopo l’approvazione della legge sul bail-in dove la liquidità dei correntisti può essere utilizzata per il risanamento di banche in crisi (questo a prescindere dalla tutela dei depositi fino 100 mila euro come vedremo di seguito).

Sottolineiamo che quanto stiamo per analizzare riguarda solo ed esclusivamente la liquidità presente sui conti correnti e i conti deposito ma non gli investimenti (separati dai conti) i quali seguono l’andamento del mercato slegato dalla banca che in questo caso funge solo da intermediario cioè da “custode” dei titoli (a meno di non aver investito in titoli della banca stessa, vedi approfondimento sull’impatto del bail-in sugli investimenti).
Aggiungiamo che negli ultimi anni il regolatore e le banche hanno messo in atto una serie di accorgimenti e ricapitalizzazioni che hanno consentito al settore di trovarsi oggi in una situazione migliore rispetto ad alcuni anni fa. Dopo i vari salvataggi pubblici il sistema bancario italiano è oggi in condizioni migliori per i correntisti (discorso differente per gli azionisti visto che la solidità delle banche è stata migliorata ma non la redditività).

Detto questo per tutelare i propri risparmi sono necessari i seguenti accorgimenti:

– verificare sia la solidità finanziaria degli istituti tramite il parametro CET 1 (reperibile nei dati di bilancio aggiornati sui siti dei vari istituti bancari), sia se l’istituto aderisce al fondo di tutela dei depositi fino 100 mila euro (o se ha qualche forma di tutela analoga, vedi approfondimento sulla tutela dei depositi).

– in caso di fallimento di una banca tutti i conti correnti e conti deposito della banca stessa (anche sotto i 100 mila euro) vengono congelati per svariati giorni prima di essere ripristinati tramite il fondo di tutela dei depositi (che come evidenziato tutela al massimo fino 100 mila euro per correntista, sperando che il fondo stesso abbia la capienza necessaria per risarcire tutti i correntisti).
In questa situazione quindi, chiunque abbia un solo conto corrente non potrebbe disporre del proprio denaro mentre chi avesse più conti correnti su banche differenti potrebbe utilizzare tranquillamente il denaro depositato su altri istituti.

– quando si apre un nuovo conto corrente o conto deposito quindi è fondamentale farlo in una banca differente da quelle già i possesso, altrimenti decadono tutti i vantaggi evidenziati nei punti precedenti. Per chi ha grandi patrimoni, avere una sola banca porta con se il rischio di perdere gran parte del capitale in caso di fallimento (se il denaro è fermo sul conto corrente)infatti ipotizzando di avere 1 milione di euro in una singola banca avremmo il denaro completamente congelato e solo 100 mila euro con tutela dei depositi, viceversa avendo 1 milione di euro divisi in 10 banche differenti (cioè 100 mila euro in ogni banca) avremmo la tutela dei depositi su ogni conto e comunque sarebbero a rischio solo i 100 mila euro custoditi dalla banca in difficoltà (salvo fallimenti a cascata ma in quel caso il sistema sarebbe salvato dai governi come successo in questi anni).

Anche per patrimoni minori è comunque fondamentale differenziare su almeno due istituti bancari per i punti visti in precedenza e nel caso il fondo di tutela non riuscisse a risarcire il capitale anche al di sotto dei 100 mila euro.

– costi e interessi: per dividere il patrimonio su più banche è fondamentale scegliere istituti sicuri, con tutela dei depositi, con servizi gratuiti (per non sperperare denaro in inutili commissioni) e con depositi che consentano di ottenere un minimo interesse

Di seguito alcuni dei conti più economici del momento attivabili online e con smartphone, tutti con tutela dei depositi e possibilità di utilizzo della filiale in caso di necessità:


FALLIMENTO O PERDITE SU INVESTIMENTI FINANZIARI

Analizziamo l’ultimo punto di rischio inerente il fallimento o le perdite degli investimenti finanziari.
E’ chiaro che ogni singolo investimento (azione o bond, italiano o estero) possa fallire ed in tal caso il capitale utilizzato per tale investimento sarà azzerato.
Quindi chiunque abbia investito tutti i risparmi in questo singolo investimento potrebbe perdere tutto il patrimonio, detto ciò è fondamentale differenziare il più possibile il patrimonio in molteplici investimenti differenti come visto per i punti precedenti (questa è la regola aurea che potremmo definire come “il primo principio fondamentale per la tutela dei risparmi”).
Più si divide il patrimonio, più si diminuisce il rischio:

  • investendo tutto il patrimonio su un singolo investimento il rischio è del 100%
  • dividendo il patrimonio in 100 investimenti, il rischio di ogni singolo investimento rispetto al totale del patrimonio è dell’1%

Facendo un esempio pratico se in passato si avesse avuto un patrimonio di 100 mila euro totalmente investito in obbligazioni di banche fallite avremmo perso tutto, viceversa avendo investito solo 1000 euro in questi titoli e 99 mila euro in altri strumenti, la perdita totale sarebbe stata solo di 1000 euro (cioè l’1% del patrimonio).
Con questo piccolo esempio abbiamo capito la potenzialità insita nella diversificazione degli strumenti finanziari a tutela del proprio risparmio.
Come evidenziato in precedenza la migliore gestione del portafoglio è quindi un giusto mix tra titoli italiani e globali, sfruttando tutti i mercati e le valute disponibili in modo da essere completamente tutelati da ogni problematica. Inoltre questo tipo di strategia è quella che consente i ritorni migliori nel medio/lungo periodo (clicca per approfondire i vantaggi della miglior strategia di investimento)


Ricordiamo che gli investimenti possono comportare il rischio di perdita del capitale.

I PIU’ LETTI




RESTA AGGIORNATO SUI FUTURI ARTICOLI: CLICCA MI PIACE

IN EVIDENZA

PROMOZIONI AGGIORNATE (clicca): conti correnti e deposito, carte e investimenti




TUTTE LE SEZIONI


CERCA UN ARGOMENTO FINANZIARIO


Copyright © COSA MUOVE I MERCATI per SoldiOnline.it 
riproduzione consentita riportando il nome e il link della fonte

” COSA MUOVE I MERCATI ” è un approfondimento di SoldiOnline.it
Dal 1998 leader in Italia nell’informazione economica, offre analisi ed approfondimenti indipendenti sui mercati finanziari

Lo scritto è redatto a solo scopo informativo, non rappresenta sollecitazione al pubblico risparmio e non svolge alcuna attività di intermediazione finanziaria. Contiene messaggi pubblicitari, il lettore si assume ogni responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate per investimenti da esso effettuati. Ogni investimento può essere soggetto a perdite finanziarie

Precedente Le pensioni pesano per il 50% delle spese statali (cioè sulle tasse) Successivo Previsione PIL globale in calo: come gestire gli investimenti dopo 10 anni di rialzi finanziari