Crea sito

Previsione azioni con dividendi più elevati per il 2021

Partiamo con una premessa: i blocchi all’economia attuati dai vari governi per il coronavirus hanno creato forti problemi ai bilanci societari del 2020 e quindi, anche se i dividendi pagati quest’anno riguardano i bilanci 2019 (non impattati dalla problematica), alcune aziende hanno preferito sospendere il pagamento per creare un cuscinetto di liquidità, altre sono state costrette a bloccare il pagamento a causa della decisione del regolatore (come le banche su richiesta della BCE), mentre un terzo gruppo ha pagato regolarmente il dividendo in linea con quanto pianificato.

Ricordiamo che il dividendo deve essere approvato ogni anno dal CDA e successivamente dall’assemblea degli azionisti e che una volta stabilito il valore assoluto del dividendo, esso rimane fisso per l’anno considerato mentre il suo valore % varia con il prezzo del titolo in borsa quindi dipende dal prezzo di acquisto (cioè il valore % del dividendo rispetto al prezzo del titolo varia in ogni istante in base alla variazione del prezzo del titolo stesso) quindi la % di dividendo percepito dall’azionista deve essere calcolata sul prezzo di acquisto del titolo:

IL VALORE % DEL DIVIDENDO SI CALCOLA CON LA SEGUENTE FORMULA:

  • % DIVIDENDO = (VALORE ASSOLUTO DIVIDENDO / PREZZO ACQUISTO TITOLO) x 100
  • per chi acquista il titolo dopo un calo del prezzo: la % del dividendo aumenta rispetto al prezzo di acquisto
  • per chi acquista il titolo dopo un aumento del prezzo: la % del dividendo diminuisce rispetto al prezzo di acquisto

Cosa considerare se si investe in titoli ad alto dividendo:

  • nel corso del tempo il pagamento dei dividendi (se confermato) mitiga possibili cali e/o incrementa possibili guadagni futuri
  • i dividendi pagati da aziende italiane vengono tassati al 26% dallo stato
  • nel giorno dello stacco del dividendo, prima dell’apertura del mercato il valore del titolo viene decurtato dell’importo del dividendo stesso: se un titolo del valore di 10 euro paga un dividendo di 1 euro, il suo valore prima dell’apertura del mercato sarà 9 euro (cioè 10 euro precedenti – 1 euro di dividendo pagato): tuttavia all’apertura del mercato buona parte della perdita di valore spesso viene compensata dagli acquisti degli investitori
  • investire in un singolo titolo può portare ad una forte volatilità, alla perdita totale dell’investimento in caso di fallimento o ad una perdita non più recuperabile. Generalmente i titoli con un dividendo elevato e stabile negli anni sono meno rischiosi rispetto ai titoli di aziende più legate al ciclo economico ma in ogni caso il fallimento, anche se meno probabile, è comunque possibile.

Un singolo titolo finanziario può essere soggetto a fallimento e portare alla perdita totale del capitale investito, per questo è fondamentale la diversificazione perché investendo in una pluralità di titoli e settori globali si ottengono ritorni positivi nel medio/lungo periodo. Per creare un portafoglio diversificato è possibile utilizzare i migliori fondi / sicav settoriali che investono in una pluralità di titoli (clicca per cercare i migliori fondi azionari ad alto dividendo) o gestioni patrimoniali.

Fondamentale tuttavia scegliere strumenti che limitano le commissioni di intermediazione di banche e consulenti che a causa dei costi elevati rischiano molto spesso di non restituire nemmeno il capitale investito inizialmente e l’unica soluzione è cambiare investimento, i punti fondamentali per una gestione economica sono i seguenti:

  • zero costi sul capitale versato inizialmente
  • zero costi sui versamenti mensili
  • bassi costi di gestione annui
  • nessun costo di switch se si varia il portafoglio
  • nessun costo per il disinvestimento

PIATTAFORMA PIU’ ECONOMICA E COMPLETA PER INVESTIRE IN MIGLIAIA DI FONDI/SICAV DI CENTINAIA DI SOCIETA’ DI INVESTIMENTO GLOBALI
(clicca per approfondire)

• oltre agli azionari settoriali ad alto dividendo, possibilità di investire in autonomia in migliaia di fondi/sicav (azionari, obbligazionari, bilanciati, flessibili, settoriali, geografici, ecc) di una pluralità di società di investimento globali: dopo la registrazione è possibile utilizzare il motore di ricerca che evidenzia tutte le varie tipologie di fondi disponibili con le relative performance e valutazioni.
• nessuna commissione di ingresso, di switch ne di uscita dai vari fondi e commissioni di gestione più basse del mercato (accesso alla totalità di prodotti di investimento di banche private e advisor finanziari senza costi di intermediazione).
• possibilità di creare investimenti diversificati globalmente in autonomia, sfruttando i portafogli modello proposti, differenziati per profili di rischio (essendo una gestione autonoma è possibile anche replicare una sola parte dei portafogli e acquistare altri fondi in autonomia).
• disponibilità di fondi total return che hanno l’obiettivo di generare rendimenti positivi indipendentemente dall’andamento del mercato, sfruttando strumenti che consentono di guadagnare anche sui ribassi e strategie decorrelate (approfondisci)
• possibilità di investire una quota mensile senza costi di caricamento (storicamente è la strategia di investimento che ha portato ai maggiori guadagni sui mercati, clicca per approfondire)
• oltre alla gestione autonoma è possibile scegliere una gestione patrimoniale (approfondisci)
• possibilità di sfruttare gli sgravi fiscali attivando portafogli PIR (vedi cosa sono), scegliendo tra tutti i prodotti di mercato disponibili


GESTIONE PATRIMONIALE ECONOMICA CON PORTAFOGLI GLOBALI IN ETF: GUADAGNO DEL 130% IN POCHI ANNI SULLA LINEA AGGRESSIVA
(clicca per approfondire
)

• vari portafogli in ETF (vedi cosa sono) in base al profilo di rischio (portafoglio aggressivo con guadagno del 130% in pochi anni)
• possibilità di variare da un profilo all’altro in base alle esigenze e all’andamento del mercato (gratis)
• possibilità di disinvestire il portafoglio in ogni momento senza costi
• possibilità di investire una quota mensile senza costi di caricamento (storicamente è la strategia di investimento che ha portato ai maggiori guadagni sui mercati, clicca per approfondire)
• miglior gestore in base alle opinioni dei clienti (leggi le recensioni)


Chi invece preferisce investire in autonomia deve necessariamente considerare l’impatto delle commissioni da corrispondere all’istituto bancario in caso di compravendita titoli, si rischia di pagare anche l’1% di commissioni di acquisto (oltre alle commissioni fisse annue di gestione), bruciando buona parte dell’investimento. Per questo sono consigliabili degli intermediari specializzati che generalmente hanno commissioni molto minori:

PIATTAFORMA DI INVESTIMENTO A BASSO COSTO (vedi dettagli)

Per gli investimenti fai da te consigliamo sempre di utilizzare una minima parte di portafoglio visto il rischio di perdita del capitale.


DI SEGUITO UNA PREVISIONE DEL 2021, IN BASE ALLA SITUAZIONE DI DICEMBRE 2020 (clicca sulla tabella per allargare)

Al momento non c’è nessuna certezza sugli importi dei dividendi che verranno pagati nel 2021 in base ai bilanci 2020, tuttavia possiamo fare delle ipotesi sui dati attuali:

  • VERDE: aziende che hanno pagato il dividendo nel 2020 con l’importo indicato, non c’è certezza che tale importo sia pagato anche nel 2021, tuttavia se tali aziende non hanno ritenuto necessario bloccare il pagamento è molto probabile che siano in grado di proseguire nel pagamento stesso (magari con dei ritocchi a ribasso o anche a rialzo).
  • GIALLO: aziende (banche e assicurazioni) che sono state costrette dal regolatore a bloccare il pagamento per il 2020, tuttavia molte di queste società hanno comunicato di poter riprendere i pagamenti dei dividendi in linea con i valori precedenti appena il blocco verrà tolto. Addirittura alcune banche come Intesa hanno comunicato di poter pagare anche il dividendo arretrato, arrivando a raddoppiare il pagamento stesso indicato in tabella per recuperare il dividendo 2020 non pagato (che ai prezzi di borsa attuali significa un dividendo vicino al 20%). Tuttavia la vigilanza Bce ha deciso di estendere fino a settembre 2021 il divieto alla distribuzione dei dividendi, mitigato dalla possibilità di distribuire capitale agli azionisti nei limiti del 15-20% degli utili cumulati nel biennio 2019-2020 o allo 0,2% dei risk weighted assets; queste eccezioni allo stop non sono automatiche e dovranno essere autorizzate banca per banca da Bce (o da Banca d’Italia) con richieste da far pervenire entro il 15 gennaio 2021. In ogni caso per gli istituti bancari con bilanci solidi, il blocco del pagamento impatta solo sulla “non distribuzione” ma tali dividendi rimarranno in bilancio aumentando le riserve del patrimonio netto e questo impatterà positivamente sul valore azionario della società.
  • ARANCIO: aziende che precauzionalmente hanno deciso in modo indipendente di bloccare il pagamento del dividendo per prudenza, tuttavia hanno comunicato di riprendere il pagamento in linea con i valori precedenti non appena la situazione di mercato sia migliorata (cioè già nel 2021). Anche qui però non c’è nessuna certezza al momento.
  • NB: alcune aziende sono indicate due volte in tabella (evidenziate con la loro lettera iniziale a fine riga), esse infatti prevedevano il pagamento dei dividendi in step differenti e quindi hanno deciso di pagare solo una parte dei dividendi stessi; in tabella abbiamo quindi indicato in verde la quota parte di dividendi pagati, mentre in giallo/arancio la quota parte sospesa quindi per avere il dettaglio della previsione futura del dividendo totale per queste società (ASSICURAZIONI GENERALI, MEDIOLANUM, TENARIS) è necessario sommare i dati. Per le aziende che hanno pagato tutto il dividendo (anche se in più step) non è stata effettuata nessuna separazione. Indichiamo inoltre che per FCA è previsto un dividendo straordinario nel 2021 per la fusione con PSA il cui importo non è ancora stato comunicato, quello indicato in tabella è il dividendo standard da gestione operativa, anch’esso bloccato nel 2020.

Per rimanere sempre aggiornato su tutti i dati e le analisi dei mercati (clicca)

ATTENZIONE: il dividendo Tenaris è in $


PORTAFOGLI IN ETF ECONOMICI CON LE MIGLIORI PERFORMANCE DI MERCATO (LINEA AGGRESSIVA CHE HA GUADAGNATO OLTRE IL 130% IN POCHI ANNI): clicca per approfondire


INTERMEDIARIO PER ACQUISTARE MIGLIAIA DI FONDI / SICAV MONDIALI SENZA COMMISSIONI DI INGRESSO/USCITA: clicca per vedere l’andamento e per investire con le minori commissioni disponibili


PIATTAFORMA DI INVESTIMENTO A BASSE COMMISSIONI (LEADER NEL SOCIAL E COPY TRADING CON POSSIBILITA’ DI ACQUISTO DI BITCOIN E CRIPTOVALUTE): clicca per approfondire i servizi


IL CONTO CORRENTE SMART PER GESTIRE LA LIQUIDITA’ IN AUTONOMIA: clicca per approfondire i servizi




RESTA AGGIORNATO SUI FUTURI ARTICOLI: CLICCA MI PIACE

TUTTE LE SEZIONI


CERCA UN ARGOMENTO FINANZIARIO


Copyright © COSA MUOVE I MERCATI per SoldiOnline.it 
riproduzione consentita riportando il nome e il link della fonte

” COSA MUOVE I MERCATI ” è un approfondimento di SoldiOnline.it
Dal 1998 leader in Italia nell’informazione economica, offre analisi ed approfondimenti indipendenti sui mercati finanziari

Lo scritto è redatto a solo scopo informativo, non rappresenta sollecitazione al pubblico risparmio e non svolge alcuna attività di intermediazione finanziaria. Il lettore si assume ogni responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate per investimenti da esso effettuati in autonomia con società terze.