Andamento dei maggiori titoli azionari italiani (indice FTSE MIB) dall’introduzione dell’euro

Di seguito riportiamo l’andamento dei maggiori titoli azionari italiani dall’introduzione dell’euro che nei mercati finanziari è stato introdotto a gennaio 1999 (o da quando è avvenuta la quotazione, se successiva all’euro stesso).
In questo approfondimento è anche possibile visionare la classifica delle aziende italiane per valore di mercato (vedi approfondimento).
Possiamo vedere che a fronte di aziende che hanno perso parecchio valore nel corso degli anni, ci sono altrettante società che hanno anche quintuplicato le quotazioni.

E’ inoltre fondamentale ricordare la distribuzione dei dividendi che va sommata alla performance del titolo azionario (decurtata dalla tassazione del 26%, 12,5% fino al 2011):

    • facendo un esempio: se l’azienda X in 10 anni fosse passata dal prezzo di 10 euro ad azione a 5 euro ad azione la perdita sul valore del titolo sarebbe del 50%, tuttavia se l’azienda avesse pagato costantemente 1 euro di dividendi ogni anno, avrebbe elargito agli azionisti 10 euro di dividendi nei 10 anni. Quindi in realtà l’investitore avrebbe un ritorno finale di 15 euro (10 euro in dividendi e 5 euro il valore finale del titolo) a fronte di un investimento iniziale di 10 euro (+50%).
      Quindi un investimento che all’apparenza (guardando solo l’andamento del titolo) può sembrare negativo, in realtà ha portato un ritorno positivo.
      E’ altrettanto vero che una società che perde valore di mercato difficilmente elargirà un dividendo costante negli anni ma probabilmente anche il dividendo andrà a calare, l’esempio però è stato fatto per evidenziare come il dividendo spesso incide in modo positivo sull’andamento di un investimento azionario che all’apparenza sembra negativo, soprattutto per aziende con alti dividendi costanti nel tempo (vedi aziende con dividendi migliori)
    • l’esempio opposto è un’azienda che in 10 anni porta il valore del titolo da 10 euro a 13 euro con un ritorno del 30% sul prezzo del titolo, tuttavia se questa azienda non avesse pagato dividendi sarebbe un investimento peggiore rispetto al titolo precedente.
    • ovviamente la scelta migliore è quella di un titolo che cresce sia a livello di prezzo del titoli, sia a livello di dividendi pagati.



Di seguito la lista dei titoli italiani con l’andamento del prezzo del titolo dall’introduzione dell’euro o dalla quotazione e i dividendi totali pagati nel medesimo periodo (cliccando sul nome dell’azienda si viene indirizzati sulla pagina per gli investitori della società in questione, con tutti i dati societari).

  • aziende che hanno ripagato l’investimento iniziale tramite i dividendi: ENI, ATLANTIA, TENARIS, SNAM, TERNA, RECORDATI, CAMPARI, BREMBO, BANCA GENERALI, AZIMUT, MEDIOLANUM
  • aziende con valore del titolo a livelli maggiori rispetto l’inizio dell’osservazione: ENI, LUXOTTICA, ATLANTIA, FERRARI, TENARIS, FCA, SNAM, CNH, EXOR, TERNA, RECORDATI, CAMPARI, PRYSMIAN, MONCLER, MEDIOLANUM, FINECO, BREMBO, FERRAGAMO, ITALGAS, BUZZI UNICEM, BANCA GENERALI, AZIMUT, MEDIOLANUM, YNAP
  • tralasciando i titoli del credito, la maggior parte dei titoli ha riportato ritorni positivi anche con il calo delle quotazioni degli ultimi anni se si sommano i dividendi
  • molti titoli di aziende minori facenti parte degli indici FTSE Italia Star e MID Cap hanno avuto ritorni migliori di quelle presenti nel FTSE MIB (vedi approfondimento).

Clicca su ogni grafico per aumentare la dimensione e leggere i dati in modo migliore

ENEL

DIVIDENDI ENEL: 5,42 euro (vedi pagina)

ENI

DIVIDENDI ENI: 16,44 euro (vedi pagina)

INTESA SANPAOLO

DIVIDENDI INTESA SANPAOLO: 1,89 euro (considerando le sole azioni ordinarie, vedi pagina)

UNICREDIT

DIVIDENDI UNICREDIT: 1,88 euro (solo azioni ordinarie, vedi pagina)

LUXOTTICA

DIVIDENDI LUXOTTICA: 8,14 euro (vedi pagina)

GENERALI

DIVIDENDI GENERALI: 7,43 euro (vedi pagina)

ATLANTIA

DIVIDENDI ATLANTIA: 9,77 euro (vedi pagina)



FERRARI

DIVIDENDI FERRARI: 1,1 euro (vedi pagina)

TENARIS

DIVIDENDI TENARIS: 5,02 dollari (vedi pagina)

FCA (ex FIAT)

DIVIDENDI FCA: no dividendi

SNAM

DIVIDENDI SNAM: 4,33 euro (vedi pagina)

CNH (ex FIAT INDUSTRIAL)

DIVIDENDI CNH: 0,64 euro (vedi pagina)

TELECOM ITALIA

DIVIDENDI TELECOM: 0,83 euro (solo azioni ordinarie, vedi pagina)



STM

DIVIDENDI STM: 4,15 euro (vedi pagina)

EXOR

DIVIDENDI EXOR: 0,35 euro (vedi pagina)

TERNA

DIVIDENDI TERNA: 2,31 euro (vedi pagina)

LEONARDO (ex FINMECCANICA)

DIVIDENDI LEONARDO: 2,67 euro (vedi pagina)

POSTE ITALIANE

DIVIDENDI POSTE: 0,73 euro (vedi pagina)

MEDIOBANCA

DIVIDENDI MEDIOBANCA: 5,17 euro (vedi pagina)

RECORDATI

DIVIDENDI RECORDATI: 5,18 euro (vedi pagina)

CAMPARI

DIVIDENDI CAMPARI: 3,75 euro (vedi pagina)

PRYSMIAN

DIVIDENDI PRYSMIAN: 3,74 euro (vedi pagina)

MONCLER

DIVIDENDI MONCLER: 0,8 euro (vedi pagina)

UNIPOLSAI

DIVIDENDI UNIPOLSAI (post fusione fondiaria): 0,65 euro (solo azioni ordinarie, vedi pagina)

BANCA MEDIOLANUM

DIVIDENDI MEDIOLANUM: 3,18 euro (vedi pagina)

BANCO BPM

DIVIDENDI BANCO BPM: no dividendi

UBI BANCA

DIVIDENDI UBI: 5,2 euro (vedi pagina)

FINECO

DIVIDENDI FINECO: 0,735 euro (vedi pagina)

A2A

DIVIDENDI A2A: 0,87 euro (vedi pagina)

BREMBO

DIVIDENDI BREMBO: 5,81 euro (vedi pagina)

FERRAGAMO

DIVIDENDI FERRAGAMO: 2,35 euro (vedi pagina)

MEDIASET

DIVIDENDI MEDIASET: 3,41 euro (vedi pagina)

ITALGAS

DIVIDENDI ITALGAS: 0,2 euro (vedi pagina)

BUZZI UNICEM

DIVIDENDI BUZZI: 3,3 euro (solo ordinarie, vedi pagina)



SAIPEM

DIVIDENDI SAIPEM: 4,6 euro (solo ordinarie, vedi pagina)

BANCA GENERALI

DIVIDENDI BANCA GENERALI: 7 euro (vedi pagina)

UNIPOL

DIVIDENDI UNIPOL: 2 euro (vedi pagina)

AZIMUT

DIVIDENDI AZIMUT: 6,78 euro (vedi pagina)

YNAP

DIVIDENDI YNAP: no dividendi

BPER

DIVIDENDI BPER: 6,52 euro (vedi pagina)


IL PORTAFOGLIO DI INVESTIMENTO CHE HA RADDOPPIATO IL CAPITALE IN POCHI ANNI (approfondisci)


QUALI SONO I RISCHI DI AVERE TUTTI I RISPARMI IN UN SOLO CONTO (approfondisci)


Costo materie prime al minimo storico: come bloccare il prezzo di elettricità e gas (approfondisci)




RESTA AGGIORNATO SUI FUTURI ARTICOLI: CLICCA MI PIACE

TUTTE LE SEZIONI


CERCA UN ARGOMENTO FINANZIARIO


Copyright © COSA MUOVE I MERCATI per SoldiOnline.it 
riproduzione consentita riportando il nome e il link della fonte

” COSA MUOVE I MERCATI ” è un approfondimento di SoldiOnline.it
Dal 1998 leader in Italia nell’informazione economica, offre analisi ed approfondimenti indipendenti sui mercati finanziari

Lo scritto è redatto a solo scopo informativo, non rappresenta sollecitazione al pubblico risparmio e non svolge alcuna attività di intermediazione finanziaria. Contiene messaggi pubblicitari, il lettore si assume ogni responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate per investimenti da esso effettuati. Ogni investimento può essere soggetto a perdite finanziarie

Precedente Partono le politiche restrittive della FED: dal QE al Quantitative Tightening Successivo Prestiti quale scegliere: ecco i migliori finanziamenti