Vuoi accendere un mutuo? Attenzione ai profili social

Vuoi ottenere un mutuo? Non bastano le solite garanzie finanziarie, conta anche il profilo Facebook.

Le banche spiano profili e contatti Facebook per valutare la solvibilità  – Occhio al web, se volete chiedere nel prossimo futuro un finanziamento per l’acquisto della casa o un prestito per l’auto, potrebbero essere spiati i vostri profili social. Ci sono alcuni istituti finanziari infatti, che per valutare l’affidabilità dei richiedenti, vanno a spulciare anche nel profilo dei principali social network, a partire dal notissimo e popolare Facebook. C’è Kreditech, una start-up tedesca con sede ad Amburgo, che prima di accordare il credito chiede di poter accedere, almeno in via temporanea, all’account del potenziale cliente, sperando di poter desumere dalla cerchia degli amici informazioni preziose dalle quali poter ricavare l’affidabilità del cliente a restituire la somma ricevuta: più amici protestati si hanno e più l’utente viene considerato a rischio solvibilità.

Prassi consolidata negli Usa – Una consuetudine forse non molto trasparente, visto che non tutti i contatti Facebook sono amici anche nella vita reale e certamente non se ne può valutare il merito creditizio. Quella di spiare attraverso il profilo e i contatti Facebook del potenziale cliente, è una prassi consolidata negli Usa:  LendUp di San Francisco controlla il numero di follower su Twitter, Lenddo esamina la morosità degli amici di Facebook mentre Neo analizza i contatti di LinkedIn, come spiega la testata americana Mother Jones. Si sa che le informazioni provenienti dai social network, specialmente Facebook e Twitter, vengono vendute alle aziende che le usano per studiare i consumatori, ma utilizzarle per valutare la possibilità di concedere prestiti sembra discriminatoria. Se hai amici “virtuali” cattivi pagatori, secondo il principio della proprietà transitiva, potresti esserlo anche tu.

mutui on line

Precedente Abitare in un ex convento o teatro Successivo Cancello elettrico

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.