Al via il Fondo di Garanzia

Arriva il Fondo di Garanzia per la prima casa previsto dal decreto interministeriale del 31 luglio 2014, pubblicato in gazzetta ufficiale il 29 settembre scorso. Il Ministero del Tesoro e l’Abi hanno firmato il protocollo d’intesa.

Garantisce metà del mutuo erogato –  Il fondo di garanzia per la casa ha una dotazione finanziaria di circa 650 milioni di euro, da impiegare in tre anni. Garantisce qualunque mutuo di importo non superiore ai 250mila euro fino al 50% dell’importo erogato, sia per  l’acquisto , che per la ristrutturazione a fini di efficienza energetica – di immobili, non di lusso, da adibire ad abitazione principale del mutuatario.Il Ministero del Tesoro e Abi, grazie al Fondo di Garanzia potranno essere finanziati 20 miliardi di euro di nuovi mutui.

Chi può accedervi – Può farne richiesta chi, alla data di presentazione della domanda di mutuo, non sia proprietario di altri immobili a uso abitativo (eccetto quelli acquisiti per successione mortis causa e in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli). Prevede un tasso calmierato per le giovani coppie (in cui almeno uno dei due componenti sia under 35 anni), i nuclei familiari monogenitoriali con figli minori, i giovani di età inferiore ai 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico, i conduttori di alloggi di proprietà degli Iacp.

Le domande di accesso– Si potranno presentare le domande di accesso al Fondo direttamente alla Banca/Intermediario finanziario cui si richiede il mutuo ipotecario, utilizzando la modulistica che sarà resa disponibile sul sito del Dipartimento del Tesoro (www.dt.tesoro.it), sul sito della Consap (www.consap.it) e sui siti di tutte le Banche/Intermediari finanziari aderenti.

Gli elenchi delle banche aderenti al Protocollo presso le quali sarà possibile richiedere le garanzie statali saranno disponibili sul sito della Consap SpA (www.consap.it), oltre che sul sito dell’ABI (www.abi.it).

 concept coût immobilier, billets, maison

Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Decreto ingiuntivo Successivo La casa, da bene rifugio a incubo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.