Uso improprio giardino comune

Buongiorno,
Vivo in un condominio nella periferia di Milano.
Durante l’ ultima assemblea condominiale i condomini si sono lamentati (me compreso) dell’ uso “improprio” del giardino condominiale.
Nello specifico i figli di alcune famiglie si protraggono fino a sera tarda (oltre le 22.00 di sera) urlando e giocando con il pallone di cuoio.
Le anticipo che il regolamento di condominio non permetterebbe di utilizzare il giardino per il gioco del pallone nè tanto meno di giocare fino a sera tardi.
Purtroppo l’ amministratore ci dice che non si può far nulla in quanto non si possono affliggere sanzioni alle famiglie se non irrisorie (da quello che ho capito in base
ad una vecchia legge).
Come ci possiamo comportare ?
Grazie

Buongiorno.
Le dico subito che non è giusto lavarsi così le mani da parte dell’amministratore, infatti ha dato una risposta molto riduttiva, nel senso che non è la sanzione di € 0,50 che può risolvere il problema, anzi non lo risolverebbe affatto, è, invece,  impedire a tutti i ragazzi di giocare a pallone perchè il giardino non ha la destinazione di un campo di calcio.
Come impedire è presto detto:
L’amministratore convoca un’assemblea per disciplinare l’uso del giardino da parte dei figli dei condomini, dettando i tempi di permanenza nello stesso per il gioco e ribadendo ciò che il regolamento di condominio, devo ritenere, contrattuale/convenzionale dispone, regolamento accettato da tutti, in quanto richiamato nei rogiti, quindi accettato come CONTRATTO.
Gli orari perchè i ragazzi possano sostare nel giardino dovrebbero essere i seguenti: dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 17,00 alle ore 20 o 21.
Naturalmente si dovranno responsabilizzare i genitori dei ragazzi, i quali devono sapere che laddove si dovesse trasgredire, alle norme e agli orari, ci sarebbe subito un ricorso al giudice di pace per le immissioni di rumori oltre gli orari consentiti.
Tuttavia, egregio utente, deve convenire con me che la soluzione per questo tipo di problemi è davvero difficile, anche perchè i ragazzi sono incontenibili data la loro esuberante età, nonostante le raccomandazioni dei loro genitori, quindi bisogna auspicarsi che con la crescita mutino certi interessi e si possa godere la tranquillità “”scippata””, tra virgolette, volendo esasperare il concetto, ma non è così, purtroppo.
Togliere il pallone dai giochi è come dire che i ragazzi non hanno più motivo per vedersi, quindi si dovranno recare altrove per giocare a pallone, ecco su cosa bisogna battersi in condominio…………..
Cordialmente
Geom. Oreste Terracciano

Precedente Alterazione decoro architettonico Successivo Animali in condominio

2 commenti su “Uso improprio giardino comune

  1. Auro il said:

    Buonasera.
    Vorrei porre una domanda più che un commento.Vi sarei molto grato se mi deste una risposta Abito in un parco il cui prato condominiale attrezzato inizialmente con due ombrelloni e due salotti in vimini che lasciava prevedere un uso assimilabile a parco comunale ove si legge il giornale, si conversa, ecc è stato incrementato – a spese di taluni condomini – con tre tavoli e rispettive sedie e sta diventando invece una osteria all’aperto dove i singoli condomini a gruppetti ricevono amici e banchettano. Io affaccio proprio sul prato , al terzo ed ultimo piano, e tra il fabbricato ed il prato c’è il cortile di acceso largo circa 6 metri. La cosa comincia a darmi fastidio, perchè non sono eventi di condominio bensì eventi di “comitati ristretti” e c’è un andirivieni di gente, di auto e di moto che parcheggiano ovunque e fanno confusione.Il regolamento del parco è molto ma molto dettagliato nel vietare e prescrivere tante cose, ma del prato giardino non dice niente, perchè secondo me il “legislatore” non ne ha tenuto conto .Mi chiedo è mai possibile che un’area prativa debba essere adibita molto spesso , senza autorizzazione alcuna , a area di banchetti? La cosa succede sovente, ormai sono diventati sfrontati. Penso di aver reso l’idea. Cosa si può fare per consentire una destinazione d’uso più consona allo scopo per cui è stato creato questo giardinetto?

    • oreste terracciano il said:

      Il parco sarà sicuramente gestito dall’amministratore, pertanto nella sua qualità di custode delle parti comuni, della loro conservazione e del loro uso e disciplina, dovrebbe, quanto meno, intervenire, semprechè gli siano giunte le opportune segnalazioni, per regolare l’uso.
      Se è pur vero che in virtù dell’articolo 1102 del codice civile:
      <>,
      è altrettanto vero che si parla di partecipanti al condominio e non di persone estranee al condominio.
      Se poi non si creano immissioni di rumori e/o di fumo, tutto può anche essere tollerato.
      E’ la sua frase sull’adirivieni di gente che preoccupa e che fa pensare ad un abuso della cosa comune, pertanto la questione la deve risolvere l’amministratore, è a lui che deve rapportare il suo dissenso.
      Cordialità
      Geom. Terracciano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.