Tempi convocazione assemblea e revoca amministratore

Gentilissimo Geometra,
ho letto su questo sito così importante  le sue consulenze e mi rivolgo a Lei per conoscere con esattezza i tempi e le modalità con cui deve essere notificata ai condomini l’assemblea condominiale annuale e quale normativa le regola.
Le chiedo inoltre se ci sia una modalità per far dimettere l’amministratore condominiale anche se non si raggiunge il 50% dei condomini e dei millesimi perchè l’amministratore che gestisce il
condominio in cui sono residente oltre a diverse mancanze nella risoluzione di problemi riguardanti le parti comuni (cantina) inaccessibili per 5 giorni causa allagamento del corridoio
dell’interrato – mai asciugato!), distingue condomini di serie A e di serie B, non risponde alle chiamate e soprattutto non accoglie le loro richieste/proposte…
Spero possa rispondermi al più presto, la ringrazio anticipatamente


Gentile signora, buonasera.
I tempi di presentazione del bilancio consuntivo, dopo che l’esercizio è
stato chiuso, non sono tassativi, ma quasi sempre si riducono a soli 90
giorni, quindi 3 mesi, dalla chiusura dell’esercizio, tanto, infatti, è
trascritto su molti regolamenti contrattuali/convenzionali di condominio,
anche se i termini possono slittare per tante ragioni.
Tuttavia, tenga conto che l’amministratore può essere revocato
dall’assemblea dei condomini se non presenta il bilancio consuntivo per due
anni consecutivi, questo lo ha sancito il codice civile, per il resto
bisogna sottostare ad usi e consuetudini, comunque fino a quando non viene
approvato il consuntivo, le quote da versare sono sempre quelle dell’ultimo
preventivo approvato.
L’amministratore, volente o nolente, può essere rimosso dall’incarico in
ogni tempo dall’assemblea, senza peraltro dover fornire giustificazione di
alcun tipo, ma bisogna fare sempre e comunque i conti con le maggioranze:
la numerica del 50%+1
la millesimale, ovvero che quel 50%+1 deve rappresentare 500 millesimi.
Il caso che lei pone, invece, è quello che ogni condomino, per motivi di
comportamento non consone alla professionalità dell’amministratore o per
altri gravi motivi da denunziare, si può rivolgere alla VOLONTARIA
GIURISDIZIONE del Tribunale per chiedere la revoca e la nomina
dell’amministratore giudiziario, per fare ciò, è necessario consultare il
proprio avvocato.
Cordialmente
Geom. Oreste Terracciano

Precedente Pulizia in condominio normativa Successivo Formalizzazione condominio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.