Tecnoborsa: l’agenzia immobiliare il canale preferito

L’agenzia immobiliare rimane l’intermediario privilegiato per le compravendite immobiliari, secondo l’indagine Tecnoborsa 2013 sulle famiglie italiane e il mercato immobiliare delle maggiori città italiane (Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo e Genova).

L’agenzia immobiliare rimane il canale più utilizzato per comprare casa (56,7% di chi ha acquistato), seguita con un notevole distacco dal ricorso ad altri consulenti (4,2%). Però, c’è da registrare che, tra i principali motivi del mancato ricorso all’agenzia da parte di chi ha acquistato un immobile si trovano: il costo troppo elevato (62,6%); la scarsità di offerte immobiliari (21,9%) e la scarsità dei servizi di assistenza/consulenza offerti (15,5%).

“Il 60,9% delle famiglie che   vb hanno acquistato o tentato di acquistare un immobile, nel biennio 2011-2012, sono ricorse all’aiuto di un’agenzia immobiliare e/o altri consulenti – ha affermato Valter Giammaria, Presidente Tecnoborsa – e la figura dell’agente immobiliare tiene bene  anche rispetto agli anni scorsi”.

I canali informativi per chi compra – Il 34,9% degli acquirenti è venuto a conoscenza dell’abitazione comprata,  tramite le agenzie immobiliari, il 28,2% attraverso il passa parola con conoscenti e custodi di stabili, etc.; il 22,1% mediante i cartelli “vendesi”; il 10,6% grazie ad Internet; il 2,5% ha consultato  riviste specializzate mentre solo l’1,7% ha letto gli annunci sui quotidiani.

Il 39,1% è venuto a conoscenza della casa in vendita attraverso altri canali ma poi è stato costretto a ‘passare’ per un’agenzia perché la vendita dell’immobile era stata affidata a questa, e ciò spiega il divario che c’è tra chi ha acquistato un immobile con l’intermediazione di un agente e chi ne è venuto a conoscenza attraverso questo canale.

La maggioranza dei proprietari usa l’agenzia immobiliare – Il 69% dei proprietari ha venduto attraverso l’agenzia immobiliare e la quota di famiglie che l’hanno scelta è cresciuta di 14,4 punti percentuali rispetto al 2011. Le altre figure professionali sono state utilizzate solo da un marginale 4,5% in misura stabile rispetto all’indagine precedente.

Chi non ha  utilizzato l’agenzia immobiliare, è stato dissuaso dal costo troppo elevato (80,6%), così come è avvenuto per chi ha acquistato. Il 19,4% ha evitato l’agenzia a causa della scarsità dei servizi di consulenza/assistenza offerti. L’agenzia immobiliare viene preferita sia da chi vende che da chi acquista, ma vi ricorre maggiormente chi ha ceduto un immobile, con una differenza significativa di circa 12 punti percentuali.

La valutazione affidata all’agente immobiliare – Ben l’86% di chi è riuscito a vendere un immobile, nel biennio 2011-2012, lo ha fatto valutare prima di immetterlo sul mercato e, rispetto alla rilevazione precedente, c’è stato un incremento di ben 12,6 punti percentuali. Il 66% dei venditori si è affidato alla stima dell’agente immobiliare (66%); l’11% ha fatto ricorso all’aiuto di un libero professionista e ben il 15,5% ha stimato da solo il bene. Rispetto a quanto visto in passato va sottolineato un incremento rilevante del ricorso alle agenzie immobiliari (+13,2 punti percentuali), e di chi ha scelto di valutare da solo il bene venduto (+6,6 punti), mentre è sceso l’utilizzo dei liberi professionisti (-3 punti).

Infine, per quanto concerne il tipo di figura professionale utilizzata per stimare i beni oggetto delle compravendite, dall’Indagine 2013 emerge che l’agente immobiliare è preferito sia da chi acquista che da chi vende ma il ricorso all’agenzia da parte di chi vende è di gran lunga superiore: ben 36,7 punti percentuali. Infatti il 55,9% degli acquirenti (- 9,3 % rispetto a quanto rilevato nel 2011), si sono serviti della valutazione dell’agenzia immobiliare e solo il 12,8% il libero professionista  mentre il 12,8% ha dichiarato di aver stimato il bene da solo con l’aiuto di listini, ricerche di mercato e altro.

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Affitti in calo Successivo Magazzino uso garage

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.