Tabelle millesimali e regolamento

Buongiorno Geometra la disturbo per alcuni quesiti.

La nostra famiglia possiede un palazzo (sette unità abitative per sette condomini) e ogni fratello ha un appartamento, l’aspetto condominiale é sempre stato gestito in maniera informale da uno di noi con divisione delle spese in maniera paritaria(rifacimento facciata e lastrico solare ).Ora uno dei fratelli ha intenzione di vendere il suo appartamento. In relazione a ciò ritengo utile per evitare discussioni con l’arrivo di uno estraneo alla famiglia di regolamentare l’andamento condominiale anche se le spese attualmente sono modeste. Possiamo fare un regolamento condominiale con annesse tabelle millesimali (stilate da un tecnico) approvati da tutti, senza eleggere un amministratore che al momento ci comporterebbe un onere considerato che attualmente la gestione del condominio consiste nel lavaggio scale e pagamento luce condominiale e assicurazione. Considerato che le spese del lastrico solare soggetto a ripartizione millesimale sono state pagate in parte uguali da tutti i proprietari anche da quelli il cui appartamento è coperto dal tetto, come si può per il futuro all’atto di stilare il regolamento condominiale coinvolgere i proprietari sottostanti al tetto nell’eventuale spesa di rifacimento dello stesso. Grazie

Egregio lettore, buon giorno.

Un condominio composto da ben 7 partecipanti, a prescindere dal grado di parentela che lega l’uno all’altro, è un condominio con la C maiuscola, quindi soggetto a tutte le norme del codice civile e non solo.

Ci sono aspetti fiscali, civile e penali non trascurabili, anche perché, OGGI, si può affermare che le spese sono soltanto quelle, domani, invece, si potrebbero presentare spese straordinarie per le quali l’amministratore rappresenta il fattore determinante nell’istruzione dell’iter procedurale.

Bisogna guardare avanti e non soffermarsi solo sul “”dio “” risparmio.

Per quanto riguarda il regolamento di condominio (NON obbligatorio in un condominio composto da 7 condomini) con annesse le tabelle millesimali o la elaborazione delle sole tabelle, nulla è possibile senza la nomina dell’amministratore, senza il codice fiscale intestato al Condominio e senza una delibera di approvazione con la trascrizione sul Registro dei Verbali.

Per fare ciò, meglio se si parte dalla sola elaborazione delle tabelle millesimali, bisogna prima NOMINARE L’AMMINISTRATORE, poi tutto il resto.

Senza non si va da nessuna parte, quindi la prima cosa da fare è FORMALIZZARE IL CONDOMINIO.

Come?

Uno di voi 7 deve convocare FORMALMENTE l’assemblea, sia in prima che in seconda convocazione, ponendo come argomenti all’ordine del giorno:

–   NOMINA AMMINISTRATORE E SUO COMPENSO LORDO ANNUO

–   RICHIESTA PREVENTIVI TECNICO PER ELABORAZIONE TABELLE MILLESIMALI

Naturalmente bisogna munirsi del Registro dei Verbali edito da Buffetti e/o Pirola.

Per concludere, bisogna anche procurarsi dei preventivi di amministratori condominiali di professione.

Cordialità

Geom. Terracciano

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Lavori straordinari ritenuti urgenti Successivo Acqua calda centralizzata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.