Spese pregresse alla vendita all’asta

Gentile Geometra,
in un condominio da me amministrato e’ stato venduto un appartamento all’asta.
Il vecchio proprietario moroso non ha piu’ pagato le spese, che sono state caricate ai rimanenti condomini.
Il nuovo proprietario mi sembra che si debba accollare gli ultimi due anni di spese.
La gestione e’ annuale (scad 31-12) nel calcolo devo considerare – 2013 e 2012 e il 2014?
Grazie
Buon giorno amministratore, se gli atti nulla dicono, bisogna applicare l’articolo 63 delle disposizioni attuative del codice civile., quindi paga il nuovo proprietario.
Cordiali saluti
Geom. Terracciano
Leggi per approfondire il problema su facebook

Precedente Spostamento citofoniera comune Successivo Parigi e Roma al top del caro affitti per i fuorisede

2 commenti su “Spese pregresse alla vendita all’asta

  1. Antonio il said:

    Salve geometra,
    Guardando il suo blog ho pensato di contattarla in merito ad un episodio da poco avvenuto presso la mia abitazione di cui sono proprietario.
    Ho voluto ampliare il soggiorno così da avere un open space con la cucina e ho deciso di togliere un tramezzo alchè ho chiamato una ditta tramite un conoscente ed è venuto a farmi un preventivo che si è rilevato fasullo in quanto sia il primo giorno dopo iniziato i lavori che il secondo mi ha chiesto un bel aumento arrivando a 1500 euro in più dai 2500 iniziali. Ma la cosa grave sta nel fatto che nelle ambedue giornate ha preso gli attrezzi per andare via e si è messo a sbraitare in tutto il condominio facendomi passare per persona poco seria. Dopo di questo l’ho lasciato andare via e mi ha chiesto 50 euro in nero e mi ha lasciato il materiale edilizio a casa con gravi disagi. Continua a chiamarmi perché vuole che gli pago del materiale che lui ha ordinato ma che io non voglio e facendo delle minacce intimidatorie che a me non fanno nessun effetto a parte rendermi nervoso perché voglio sapere come devo comportarmi. Mi scusi se mi sono dilungato e la ringrazio anticipatamente

    • oreste terracciano il said:

      PER ANTONIO
      Caro lettore Antonio buon giorno.
      Di fronte a certi comportamenti ASSURDI E VOLGARI di pseudo **MURATORI**, c’è poco da fare, a meno che non si voglia avviare una azione giudiziale, la quale avrebbe sicuramente un esito incerto, visto che di scritto non c’è ombra di alcun accordo contrattuale.
      A volte, sono errori di valutazione che in tanti commettiamo, ci si fida e si procede in NERO pur di risparmiare o di non perdere tempo, per cui se la faccenda finisce male ci si trova comunque con le spalle al muro.
      Con tanta pacatezza trovi un accordo condiviso per togliersi l’INDIVIDUO dalla sua vista, quindi gli faccia capire che il torto è solo da una parte e che per chiudere bonariamente la questione lei è disposto ad andargli incontro.
      Non le conviene tergiversare, sarebbe una via senza uscita.
      Cordiali saluti
      Geom. Terracciano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.