Primo semestre 2014 in ripresa secondo Gabetti

Il primo semestre 2014 segna la ripresa del mercato immobiliare, secondo Gabetti. Cresce la domanda di mutui e aumentano le erogazioni delle banche, così come migliora il clima di fiducia da parte delle famiglie. A rivelarlo, l’Ufficio Studi Gabetti attraverso i dati Banca d’Italia dell’Agenzia delle Entrate.

Ripresa delle compravendite di case – Nel primo semestre dell’anno si sono realizzate 205.998 transazioni, ripartite in 98.403 nel primo trimestre (+4,1%) e 107.595 nel secondo (-1%), in aumento dell’1,4% rispetto al 2013. Performance più alte nelle 8 maggiori città della penisola, migliorate del 6,8% rispetto al 2013.

Il Centro più attivo –  Al Centro le compravendite sono aumentate del 5,8% rispetto allo stesso periodo del 2013, in particolare nei capoluoghi (+9,2). Segue il Nord (+2% ) con performance migliori nei capoluoghi (+6,6%), mentre al Sud si è registrato un calo del 2,9% delle compravendite.

Ancora prezzi in giù –  Prosegue il trend ribassista nella prima parte dell’anno, con un calo del 3% delle quotazioni immobiliari in otto grandi città, anche se si sono ridotti i tempi di vendita: circa 6-7 mesi in media. Da ricordare invece che nel 2013 i prezzi erano scesi dell’8% rispetto al 2012.

Le case più svalutate si trovano a Genova:  -6%, inferiori i ribassi a  Roma (-2%) e Milano (-3%). Valori in calo anche per Firenze, al -2,2%, Bologna -3,3%, Napoli -2,8%, Torino -3% e Palermo -2%.

Aumentano i mutui per la casa – Secondo Banca d’Italia sono stati erogati sotto forma di finanziamenti agli immobili 11.125 milioni di euro nel primo semestre del 2014: +3,4%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Segnali positivi anche per la domanda di mutui – Aumenta la richiesta di mutui  del ben l’11,8%, consolidando il trend positivo evidenziato nel 2013.

immobili

Precedente Condominio senza amministratore Successivo Dubbi su gestione condominio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.