Ristrutturare bagno e cucina è il sogno degli italiani

Anche per tutto il 2014 gli italiani potranno usufruire delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e la riqualificazione energetica.

L’occasione è ghiotta per rinnovare le quattro mura. Cosa rinnoverebbero gli italiani, disponibilità economiche permettendo, approfittando della proroga degli incentivi fiscali?

Bagno, cucina e infissi nuovi le priorità nella wishlist degli italiani – Bagno e cucina, secondo il portale immobiliare Casa.it, che ha effettuato un sondaggio per scoprire sogni, aspirazioni e intenzioni di spesa dei proprietari di casa del Bel Paese.

Il 28% degli intervistati rinnoverebbe il bagno (28%), il 24% la cucina, il 20% sostituirebbe gli infissi per conseguire una maggiore efficienza energetica. La sostituzione del pavimento, invece, interessa solo all’8% dei proprietari.

Un nuovo impianto di riscaldamento per l’edificio – Per quanto riguarda la ristrutturazione dell’intero stabile, gli italiani punterebbero ad un nuovo impianto di riscaldamento (31%), seguito dal rifacimento degli interni (27%) e dalla facciata con cappotto termico (24%). Appena il 5% si preoccuperebbe di rifare il tetto.

Oltre la metà degli immobili da ristrutturare – In un Paese in cui oltre la metà degli immobili è vetusta, Napoli svetta al primo posto per il maggior numero di immobili in vendita che necessitano di interventi di ristrutturazione (19,5%), seguita da Roma (15,5%), Milano (13%) e Torino (11,5%).

“In un Paese che si trova ad affrontare una profonda crisi economica e in cui, secondo i dati CRESME, più del 55% degli immobili ha oltre 40 anni, è naturale che l’attenzione nei confronti di questa tipologia di incentivi sia alta e si focalizzi su miglioramenti non solo estetici, ma anche funzionali” – afferma Daniele Mancini, Amministratore Delegato di Casa.it.

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Lavori straordinari, maggioranze Successivo Condomino accusato di rumori molesti dal vicino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.