Ripartizione debiti morosi

Buongiorno Geom. Terracciano

avrei bisogno di una consulenza riguardo una ripartizioni spese condominiali un po’ particolari..

Premetto che circa un mese fa l’amministratore dello stabile dove sono proprietario di un appartamento ha indetto un’assemblea condominiale per discutere di alcuni punti inerenti agli arretrati debitori di alcuni condomini.

Purtroppo non sono stato presente all’assemblea né tantomeno ho delegato alcuna persona per mio conto.

L’amministratore esaminando e facendo presente ai condomini presenti all’assemblea il grave problema debitorio derivante dall’inadempienza di un paio di famiglie in particolare ha proposto la seguente soluzione: RIPARTIZIONE DEI DEBITI TRA TUTTI I CONDOMINI IN QUOTA MILLESIMALE.

L’unanimità dei condomini presente in riunione ha dato parere favorevole forse non capendo bene di ciò che si trattasse.

A distanza di qualche giorno mi è pervenuta una lettera la quale illustrava il resoconto dell’assemblea con i relativi bollettini per il pagamento del debito insorto dalle altre famiglie debitorie.

L’amministratore una volta chiesto chiarimento dice che l’importo sostenuto dalle famiglie sarà calcolato come anticipo sulle spese condominiali future e scalato sulle rate di ordinaria amministrazione senza però dare spiegazioni sulla modalità e tempistica dello “storno”.

Ciò che chiedo a lei è sapere se è giusto che noi condomini ci facciamo carico dei debiti maturati da altre famiglie inadempienti,

specifico nel mio caso che non sono d’accordo in questa decisione e pagamento, non sono stato presente all’assemblea ne delegata alcuna persona.

Posso rimetterci anche io per un acconsento da parte di altri condomini che non hanno ben capito di ciò che realmente poi si trattava??

In attesa di una sua cortese consulenza la ringrazio anticipatamente.

Egregio Lettore, buon giorno.

L’assemblea ha votato all’unanimità dei presenti, quando non poteva nella maniera più concreta, perché ignorante in materia quanto l’amministratore che ha proposto la soluzione spalmatura debiti morosi sui condomini solventi.

Pertanto la invito a leggere la seguente sentenza della Cassazione e di mostrarla all’amministratore, perché ne prenda atto e riconvochi l’assemblea per annullare la delibera precedente, perché NULLA, riproponendone un’altra come sancito dalla Cassazione:

Corte di cassazione, sez. II, 5 novembre 2001, n. 13631.

In mancanza di diversa convenzione adottata all’unanimità (1.000 mill.), espressione dell’autonomia contrattuale, la ripartizione delle spese condominiali deve necessariamente avvenire secondo i criteri di proporzionalità, fissati nell’art. 1123 c.c., e, pertanto, non è consentito all’assemblea condominiale, deliberando a maggioranza, di ripartire tra i condomini non morosi il debito delle quote condominiali dei condomini morosi; invece, nell’ipotesi di effettiva, improrogabile urgenza di trarre aliunde somme – come nel caso di aggressione in executivis da parte di creditore del condominio, in danno di parti comuni dell’edificio – può ritenersi consentita una deliberazione assembleare, la quale tenda a sopperire all’inadempimento del condomino moroso con la costituzione di un fondo-cassa ad hoc, tendente ad evitare danni ben più gravi nei confronti dei condomini tutti, esposti dal vincolo di solidarietà passiva; conseguentemente sorge in capo al condominio e non ai singoli condomini morosi l’obbligazione di restituire ai condomini solventi e recuperato dagli stessi quanto dovuto per le quote insolute e per i maggiori oneri. (C.c., art. 1123, c.c. art. 1135) .

 

Non ho  altro da aggiungere, quindi la soluzione è quella da me proposta, volente o nolente, in quanto l’assemblea ha statuito oltre le proprie competenze violando i diritti dei singoli sui quali la legge non consente di incidere.

Cordialmente

Geom. Oreste Terracciano

Precedente Richiesta informazioni su corretta amministrazione Successivo Danni da infiltrazioni

2 commenti su “Ripartizione debiti morosi

  1. rosario il said:

    vorrei chiedere come e possibile risolvere questo problema:abito in un condominio a piano rialzato l’amministratore non si fa mai vedere neanche sulle problametiche del parco in piu’ i ragazzi giocono sotto in mio balcone non rispettando nemmeno l’orario di fine come posso difendermi in quanto sono un invalido con problemi di ipertensione e malesseri di natura epilettica in piu’poco tempo fa stavo finendo alle mani con uno dei genitori dei ragazzi grazie

    • oreste terracciano il said:

      L’amministratore deve intervenire sull’uso corretto delle parti comuni, è un compito che è di sua competenza, quindi cerchi di contattarlo e dica di richiamare i condomini che consentono ai loro figli la violazione del riposo delle persone.
      Saluti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.