Rifacimento del tetto: cosa fare se il condominio non vuole fare i lavori?

Sono proprietaria di una mansarda in uno stabile di sei appartamenti. C’e bisogno di eseguire lavori di rifacimento del tetto visto che l’asfalto presenta crepe e incominciano ad intravedersi infiltrazioni di acqua.
Parlato in assemblea e chiesto più volte notizie ad amministratore ho potuto capire che non c’è alcuna volontà da parte dei condomini di eseguire i lavori.
Chiedo a lei consiglio come poter agire cioè cosa fare
Grazie

Gentile utente, buongiorno.
Se servisse, le imposterei personalmente una lettera di messa in mora, diretta all’amministratore, per il condominio, ove chiedere di intervenire quanto prima onde evitare di subire danni da infiltrazioni ancora peggiori, però, sinceramente, ritengo che la lettera lascia il tempo che trova, invece, le suggerisco,  per dare un impulso più concreto al problema, di rivolgersi ad un avvocato, suo malgrado, per far scrivere la stessa lettera che imposterei io.

Questo perchè la lettera dell’avvocato non può passare inosservata, per cui l’amministratore sarà obbligato a convocare l’assemblea per chiedere cosa fare e come comportarsi di fronte ad un problema reale, ammesso che sia stato prudente e giudizioso nel prenderne atto.

Se nulla dovesse riscontrare, allora non le rimane che aprire un contenzioso giudiziale, il quale, di fronte all’evidenza dei fatti, vedrebbe lei vincente e il condominio soccombente.
Cordiali saluti

Precedente Riscaldamento centralizzato: se sigillo gli elementi posso pagare quota ridotta? Successivo Cambio dell'ordine dei locali e conseguente disturbo del vicinato

Un commento su “Rifacimento del tetto: cosa fare se il condominio non vuole fare i lavori?

  1. Simona il said:

    Salve, di seguito il mio quesito:
    vorrei sapere se il costo per un raficimento di un tetto di un edificio di piani, ciascun piano appartenente a due distinti proprietari, può essere assolto solo dal proprietario del secondo piano che ha richiesto i lavori, solo perchè il proprietario del primo piano non ha autorizzato ( con lettera)l’inizio dei suddetti lavori (dal momento che non usufruisce dell’appartamento come abitazione!!).
    Il tetto era pericolante e andava ristrutturato per la salvaguardia delle persone che ci vivono.

    Grazie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.