Richiesta informazioni su corretta amministrazione

Buona sera Geom. Terracciano.

Vorrei avere qualche delucidazione sugli adempimenti dell’amministratore di condomini e  nello specifico su quello del mio che non credo agisca correttamente.

Nel mese di febbraio si è tenuta la prima assemblea condominiale che si è svolta nel seguente modo:

– l’assemblea è iniziata ancor prima dell’orario previsto con conseguente assenza di alcuni condomini

– nessuna nomina di presidente e segretario

– nessuna nomina di consiglieri

– l’amministratore prendeva qualche appunto a matita su un foglietto di quelle che sono risultate le problematiche

– ad un certo punto dell’assemblea alcuni  condomini se ne sono andati (principalmente perché si sarebbe discusso dell’attivazione dell’ascensore di cui loro non usufruiscono perché abitanti in appartamenti non collegati al servizio)

– nessun rendiconto della sua attività come amministratore relativo all’anno precedente

Ad oggi non è stato inviato alcun verbale di assemblea pertanto mi chiedo:

1) è possibile chiederne copia?

2) è obbligatorio redigere il verbale d’assemblea ?

3) è corretto che uno lasci l’assemblea perché non interessato alla discussione?

4) ci sono modi per “opporsi” a questo operato?

La ringrazio per la sua risposta e Le auguro una buona serata.

Gentilissima signora L. C., buonasera.

Le devo fare i miei complimenti per l’attenzione che presta a certi comportamenti, perchè sono sicuro che gli altri condomini non se ne accorgono nemmeno, oppure fanno finta di non vedere e non sentire.

Non credo che lo facciano perchè hanno una fiducia cieca nell’amministratore di condominio, credo, invece, che lo facciano perchè l’assemblea, fatta eccezione per qualche caso sporadico, è sempre SILENTE, per cui accetta passivamente l’operato giusto o sbagliato che sia.

A volte, ma spesso direi, si accodano al condomino “”SAPIENTINO”” di turno, anche se nel caso esposto si è superata la normale tollerabilità, per cui è mio preciso dovere rispondere correttamente ad ogni sua domanda:

– l’orario dell’assemblea viene sempre posticipato di almeno mezz’ora, in maniera tale da dare a tutti la possibilità di partecipare, non si dà mai inizio con anticipo rispetto all’ora fissata.

– L’assemblea condominiale, una volta che si raggiungono  le maggioranze per sancire  che l’assemblea si è regolarmente costituita, nomina il Presidente scelto tra i condomini presenti, il quale a sua volta nomina il segretario per la stesura del verbale sul registro apposito tenuto dall’amministratore.

Di solito, poichè il registro è tenuto dall’amministratore, nomina lo stesso a segretario.

– la nomina dei consiglieri si effettua solo se prevista dal regolamento di condominio contrattuale

– l’amministratore, se nominato segretario, può prendere appunti, ma poi chi detta come si è svolta la discussione è il Presidente, mentre il segretario scrive.

Prima della votazione si deve dare lettura della delibera.

– per i condomini che si allontanano dall’assise, per loro motivi o perchè c’è da discutere un argomento che non li riguarda in modo diretto, si devono annotare sul registro: nome cognome, orario e millesimi.

– se all’ordine del giorno non c’era l’argomento approvazione rendiconto 2009 e approvazione preventivo 2010, è segno che ancora non sono stati formulati.

– la copia del verbale di assemblea deve essere inviata, entro 7 giorni, soltanto a coloro che erano assenti all’assemblea.

Se ai presenti occorre comunque la copia, allora dovranno richiederla a pagamento.

– il verbale deve essere trascritto sull’apposito registro in assemblea e in calce dovrà portare la firma del presidente e del segretario.

Per opporsi all’operato alquanto singolare dell’amministratore, ci si può rivolgere al giudice per chiederne la REVOCA, oppure si può chiedere una convocazione di assemblea straordinaria, ai sensi dell’art. 66 DD.AA. cod.civ.per discutere un solo argomento:

REVOCA AMMINISTRATORE E NOMINA NUOVO E SUO COMPENSO

Le chiedo: Ha la maggioranza dei condomini dalla sua parte?

Per maggioranza intendo quella che poi occorrerà per LICENZIARE l’amministratore, ovvero il 50%+1 che rappresenti 500 millesimi, altrimenti discutiamo  in maniera solo ipotetica.

Se ci sono le condizioni, me lo comunichi che la guiderò, gratuitamente sempre, io.

 

Cordiali saluti
Geom. Oreste TERRACCIANO

Precedente Ripartizione spese in attesa elaborazione tabelle millesimali Successivo Ripartizione debiti morosi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.