Revoca amministratore e approvazione consuntivo

Spett. le geom.,  sono in contatto con alcuni condomini che sono seguiti da un altro amministratore. Dato che per problemi vogliono cambiare tale amministratore, mi chiedevano nello specifico come fare. Dato che è stata indetta un assemblea per approvare il consultivo e il preventivo, oltre che la nomina dell’amministratore gli ho detto a questo condomino che mi ha contattato di farsi inviare copia del bilancio per prenderne visione prima della discussione. Tale bilancio gli è stato inviato il giorno prima dell’assemblea. Mi è stato fatto vedere, e subito ho trovato tante discordanze, errori palesi di calcolo, come per esempio il compenso dell’amministratore che nel riepilogo spese veniva indicata una cifra e nel piano di riparto tale somma era più alta, come del resto per il totale spese 2013 che per es. riportava 6.000 mentre il totale spese risultante nel piano di riparto era 6.800

Inoltre, non veniva predisposto una situazione patrimoniale, ovvero la situazione debitoria/creditoria e le disponibilità in c/c.

Di fronte a tale situazione il condomino, sentitosi con gli altri, vorrebbe chiedere delucidazioni all’amministratore, ma voleva sapere se farlo prima dell’assemblea o durante, e cosa succede se non viene approvato il bilancio. Voleva sapere possono cambiare l’amministratore prima che venga approvato tale bilancio, ovvero sarà tenuto a sistemare il bilancio stesso? Il secondo punto dell’ordine del giorno possono già cambiare l’amministratore, o dato che non è stato approvato il bilancio non possono farlo?

Inoltre, dato che dovevano fare dei lavori di ristrutturazione, l’amministratore ha già incassato la quota totale di sua spettanza (1% del totale lavori) quando gli stessi non sono neanche iniziati, quindi nel caso venisse cambiato l’amministratore tali soldi si perdono, come temono alcuni condomini?? Inoltre tali somme non vengono indicate nel bilancio 2013, anche se tali compensi sono stati pagati appunto nell’anno appena trascorso.

Mi scuso per essermi dilungato, e spero in sua cortese risposta, come sempre.

Grazie e saluti.

Egregio amministratore, buon giorno.

Non conviene mai, specie se l’assemblea opta per la revoca amministratore e nomina nuovo, NON approvare il bilancio consuntivo, sarebbe come passare la palla al neo amministratore, il quale non avrebbe competenze in merito, per cui si genererebbe lo stallo contabile.

In assemblea si fanno gli opportuni rilievi, così l’amministratore potrà chiarire se trattasi di errore o altro, si trascrivono gli eventuali aggiusti da fare sul registro dei verbali e si approva con riserva di…………….

Solo così il neo amministratore, chiedendo un compenso extra, può entrare nel merito e correggere gli errori.

E’ superfluo aggiungere che sarebbe opportuno far rilevare prima dell’assemblea, all’amministratore, le discordanze contabili.

L’amministratore, dopo questo modo di agire, si può cambiare.

L’amministratore **SANGUISUGA** direi, non poteva e non doveva incassare già la percentuale sui lavori ancora da eseguire, infatti i conti si fanno alla fine dei lavori e non prima, è proprio un bel VOLPINO l’amministratore…………..

DA CACCIARE A PRESCINDERE!!!!

cordialità

Geom. Terracciano

Precedente Esenzione spese per invenduto da parte del costruttore Successivo Nuovo od usato?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.