Rata del mutuo o canone d’affitto?

Comprare o affittare? In tempi di crisi è il dilemma che affligge le famiglie italiane che non possiedono una casa. A conti fatti cosa conviene di più?

L’Ufficio Studi Tecnocasa ha valutato la convenienza tra l’acquisto o la locazione di un bilocale di 50 mq in una zona semicentrale di Milano.

Acquisto – Ipotizzando che l’immobile costi  230.000 € e si accenda un mutuo a tasso fisso di 25 anni che finanzi il 63%  del valore, si deve pagare una rata di mutuo di 872 €. Si deve dunque disporre di un capitale di 100.000 €. L’importo del mutuo comprende anche le spese legate all’acquisto dell’immobile: notaio, intermediazione immobiliare, imposte e bolli.

Da considerare anche le spese di gestione dell’immobile (manutenzione straordinaria e assicurazione). Per calcolare il valore futuro dell’immobile abbiamo considerato una rivalutazione annua pari alla media dell’indice Istat degli ultimi 10 anni.

Affitto- Scegliamo invece l’affitto, con un canone mensile iniziale di 750 €, pagando annualmente la registrazione del contratto di locazione. Il capitale a disposizione (di 100.000 €) viene investito in un BTP a 25 anni. L’affitto sarà aggiornato ogni anno in base all’indice Istat.

Differenza rata mutuo-canone – I benefici si differenziano a seconda se si considerano gli effetti a breve o a lungo termine.

Il primo anno guadagnerà il locatario (che spende 750 € al mese contro una rata mensile di 872 € per il proprietario), che investirà la  differenza in un conto corrente bancario ordinario con tasso di remunerazione dello 0,35% lordo. Allo stesso tasso si investe l’eventuale differenza tra i costi di gestione dell’immobile, i costi della locazione e il beneficio fiscale per la detrazione degli interessi.

Vantaggi a lungo termine per l’acquirente – Dopo 25 anni, ovvero all’estinzione del mutuo  sarà il proprietario ad aver guadagnato 110.794 €  (Valore futuro immobile – rate del mutuo), mentre l’inquilino ci avrà rimesso – 28.973€ (Capitale investito – canoni di locazione + eventuale differenza rata mutuo/canone e altri costi benefici).

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Gestione arrogante condominio Successivo Tramonta il fascino dei loft

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.