Rapporti difficili con il locatore

Buon giorno Geometra Terracciano. La disturbo per avere qualche consiglio. Le espongo la mia situazione:
Abito in affitto in un condominio di tre locali 90 mq, in provincia di Bergamo dal 1996. Le strutture erano già obsolete da allora. Attualmente c’è muffa in tutti locali ( devo imbiancare almeno 2 volte l’anno) serramenti marci, con tapparelle rotte. Infiltrazioni d’acqua nel muro principale, vasca da bagno scrostata (vecchia di almeno 50 anni) tubature del bagno che si rompono almeno una volta l’anno, tanto che il locale a seguito di questi interventi riporta ben tre tipi di piastrelle diverse, la caldaia deve essere spurgata almeno ogni 30/40 gg. causa calcare. Spendo nei mesi invernali 300 euro di corrente, perché siamo costretti ad usare stufe elettriche poiché i termosifoni sono bassissimi e dalle serrature entra aria gelida. Oltre a queste problematiche nel mese di febbraio, la proprietaria, che se ne frega di questi inconvenienti, mi ha rappresentato che negli ultimi due anni, il riscaldamento ha comportato spese impreviste, che lei ha già pagato e noi inquilini ( tre famiglie) dovevamo saldare il tutto per un importo di 700 euro a famiglia. Tenga conto che pago 500 euro mensili comprensivi di euro 80 per le spese varie, la signora, mi ha proposto per far fronte a ulteriori imprevisti, di aumentare di 50 euro le spese, per far fronte all’aumento del combustibile per la caldaia. Con l’accordo che se non vengono utilizzati o quelli non usati ci vengono restituiti. Ora la situazione economica non è delle migliori, e questa persona dal momento che non riesco a pagare i 700 euro ci sta facendo pressione con atteggiamenti poco urbani. Chiedo a lei gentilmente se ciò che ho rappresentato è legale, se posso in qualche modo essere tutelato. Poiché non riesco ad andare ad abitare da altre parti, sono sotto scudo e non so proprio come muovermi.

La ringrazio e la saluto cordialmente
Caro lettore, buon giorno.
E’ senz’altro una situazione ALLUCINANTE, che induce ad abbandonare la casa senza se e senza ma, anche perché, può essere certo, le cose peggioreranno in quanto la locatrice non interverrà per niente.
Meglio trovare un bilocale che presenti le caratteristiche di CASA e non di BARACCA anche se lei è restio, immagini per convenienza, a rimanere lì dov’è.
Non aggiungo altro perché c’è poca da aggiungere se non il consiglio saggio di scappare dalla baracca.
Cordialità
Geom. Terracciano
Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Danni da appartamento all'asta Successivo Le ville a schiera le più gettonate

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.