Problemi con acqua potabile

Gentilissimo Geometra Oreste Terracciano,
buonasera e grazie per la sua disponibilità innanzitutto, ho bisogno di un suo parere riguardo un increscioso colloquio che stasera ho avuto con l’amministratore del condominio.
Da tre giorni nella mia vasca da bagno trovo, dopo averla prima riempita e poi svuotata di acqua, uno strato di terriccio. Ho tentato di contattare l’amministratore per far presente del problema ma solo stasera ho avuto modo di potergli parlare direttamente, anche se era già stato informato due giorni fa per vie traverse. La risposta è stata molto vaga, soprattutto alla mia richiesta di contattare un tecnico per la verifica del problema, la sua risposta è stata che non può chiamare il tecnico perchè nell’ipotesi che lui riempia un secchio d’acqua e non trovi la terra nel secchio poi, quest’ultimo lo potrebbe deridere. Insomma come può notare una risposta che non ha alcun senso di fronte a una problematica seria cioè dell’acqua impura che potrebbe causare qualche malattia, per esempio il tetano o altre infezioni. Alla fine della conversazione, non vedendo un minimo di interesse, ho deciso di provvedere da me nel capire la natura del problema chiedendo agli altri condomini di riempire e svuotare la vasca da bagno per verificare la presenza della terra. La domanda che mi pongo è, questo rientra in un atteggiamento negligente da parte dell’amministratore? Come debbo comportarmi? Inoltre questa persona ha spesso di questi comportamenti. Cosa mi consiglia? C’è modo di avere un pò di giustizia?
La ringrazio in anticipo e le porgo i miei cordiali saluti.S.I.
Gentile signora S.I., buon giorno.

Se l’acqua arriva ai rubinetti degli utenti direttamente dall’acquedotto, come a Napoli e a Roma per fare un esempio, allora le cause sono da ricercare direttamente rivolgendosi all’ENTE gestore,

Se, invece, arriva, per mancanza di pressione, come in Puglia per fare un altro esempio, nelle vasche di raccolta o nei serbatoi dei condominii, i quali si servono dell’impianto autoclave per la successiva distribuzione a pressione nelle unità immobiliari, allora può anche darsi che le vasche devono essere svuotate e ripulite, operazione che, normalmente, si deve fare ogni 6 mesi.

Quel deposito di terriccio è tipico delle vasche e/o serbatoi accumulo acqua.

A nulla servono i filtri apposti ai vari rubinetti.

Quindi è questo da appurare, in quanto se ci sono le vasche l’amministratore è tenuto a chiamare una ditta specializzata per la pulizia accurata delle stesse.

Circa i comportamenti degli amministratori, in genere, sono tipici di persone che amministrano più condominii, giustificabili se si pensa alla mole di lavoro che i condominii generano.

Cordialmente

Geom. Terracciano

Precedente Applicazione cappotto termico soffitti porticato Successivo Spese condominiali dopo vendita immobile

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.