Prassi per cambio amministratore senza ricorrere al giudice

Buonasera, geometra Terracciano. Le chiedo delle delucidazioni su come provvedere alla nomina di nuovo amministratore descrivendomi la procedura da seguire. Evidenzio che un amministratore c’e’, con la differenza che da anni non fa assemblee, né presenta preventivi ne’ rendiconti e tanti altri problemi connessi.. Cosa bisogna fare per cambiare amministratore? come convocare una  nuova assemblea ? Chi la deve fare e come? E se l’amministratore  e’ irreperibile come facciamo a convocare, a deliberare,a riportare il verbale senza libro dei verbali? Possiamo cambiarlo senza ricorrere al Tribunale?
La ringrazio fin da ora , porgendoli i più distinti saluti. A.F.
Gentilissima signora A.F., buon sera.

Nessun ricorso al Tribunale, non occorre, segua i miei consigli e vedrà che supererà questo increscioso incidente con brillantezza.

Deve compilare la  richiesta di convocazione straordinaria dell’assemblea, richiesta che dovrà essere spedita all’amministratore – ultimo domicilio conosciuto a prescindere dalla sua reperibilità o meno – per raccomandata a/r, dopo averla opportunamente compilata.

Compilare con almeno 2 nomi e cognomi di condomini, ma anche più, incominciando dal suo, indicando i millesimi di proprietà di ognuno, fino a raggiungere i 167 millesimi, ovvero 1/6 del valore dell’edificio, indi firmare la lettera, datarla, imbustarla e spedirla a mezzo raccomandata a/r, come anzi detto, all’ultimo domicilio conosciuto dell’amministratore.

Trascorsi i 10 giorni concessi per la convocazione, deve assumere l’iniziativa di convocare FORMALMENTE l’assemblea, sia in prima che in seconda convocazione, secondo l’avviso da compilare, consegnando una copia ad ogni condomino, ricevendo dallo stesso la firma per avvenuta consegna, mentre ai fuori sede la invierà per racc. a/r, ben sapendo che poi sarà rimborsata di tutte le spese che sosterrà nel contempo.

Naturalmente bisogna essere in possesso di almeno due o tre preventivi di amministratori professionisti disposti ad amministrarvi, preventivi che dovrà custodire, senza aprire le buste, fino al giorno dell’assemblea, che si dovrà tenere in seconda convocazione per facilitare la costituzione dell’assemblea.

Si dovrà attivare in maniera tale da assicurarsi la massima presenza dei condomini per non incorrere in una fallimento dell’iniziativa, questo è nell’interesse comune.

In assemblea porterà con sé alcuni fogli di protocollo dove sarà poi trascritto il verbale, verbale che sarà poi firmato da tutti i presenti, copia del quale sarà inviata ai condomini risultati assenti, ma non all’amministratore revocato.

Una volta nominato l’amministratore, sarà questi e solo questi ad attivarsi per la corretta gestione e a contattare, sempreché si riesca, l’amministratore in carica onde effettuare il passaggio delle consegne.

Concludo assicurandole tutto il mio supporto, in tutte la fasi in maniera completamente GRATUITA, là dove dovesse avere bisogno per la buona riuscita dell’operazione.

Cordialmente

Geom. Terracciano

Precedente Verifica contabile dopo approvazione bilancio consuntivo Successivo Danni da comportamenti incivili come difendersi in condominio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.