Posti auto condominiali insufficienti: il principio di turnazione

Buona sera Geometra Terracciano, le scrivo per chiederle un consiglio. Sono il neoproprietario di un appartamento facente parte di una unità composta da tre appartamenti. Si è presentato subito un problema, siccome abbiamo un garage in comune di 40 mq, del quale sono proprietario di 1/3, e purtroppo nel garage è possibile parcheggiare appena due auto (probabilmente solo una), quindi si dovrebbe procedere ad una turnazione. Ma il problema maggiore è costituito dal fatto che ne fa uso esclusivo il figlio di una delle proprietarie che, tra l’altro, non abita con lei, cioè ho scoperto che abita in un’altro stabile in un altra parte della città, ed è proprietario di un altro garage. Le chiedo, questo signore ha il diritto di usufruire del garage? Confido in una sua cortese risposta. La ringrazio anticipatamente e saluto cordialmente.

Egregio Dottore , buona sera.

Il principio della turnazione, laddove i posti auto non consentono a tutti i partecipanti al condominio di parcheggiare in quanto insufficienti, si basa su un concetto dal quale non si può prescindere, ovvero il diritto di parcheggio per ogni partecipante.

Che poi il partecipante, nel momento in cui esercita il suo diritto, fa parcheggiare l’auto alla figlia o alla nipote o ad un estraneo, non credo che debba interessare più di tanto agli altri partecipanti, è il diritto quello che conta.

Chiaro il concetto?

Cordialmente

Geom. Terracciano

Precedente Stesura regolamento di condominio assembleare Successivo Come far valere l’articolo 1123 del codice civile secondo e terzo comma

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.