Oneri condominiali dopo compravendita

Egr. Sig. Terracciano, mi scuso se la disturbo dopo tanto tempo, ma considero i suoi consigli molto
preziosi e fino ad oggi li ho sempre molto considerati.
Si tratta di oneri sostenuti dall’acquirente e non rimborsati poi dal venditore.
Attualmente sono io l’amm.re del condominio ma il condomino acquirente mi ha chiesto di scrivere all’ex amm.re, ovviamente, non sono io che sottoscriverò la lettera ma un mio collega.
Volevo chiederLe cosa ne pensava e se il povero acquirente possa trarne un minimo vantaggio da persone impreparate e con poca coscienza.
Per ora La ringrazio, e Le invio i miei migliori saluti
Gentilissimo avvocato, buon sera e ben tornata, non mi disturba affatto.
E’ legittima la richiesta dell’acquirente e non capisco il comportamento del venditore, assurdo per certi versi e irriguardoso per altri.
Se è pur vero che l’acquirente doveva ANTICIPARE  l’onere al condominio, in virtù del disposto articolo 63 delle DD.AA. del codice civile, in quanto riferito all’anno di  gestione precedente la compravendita, è altrettanto vero che il rimborso è un atto dovuto da parte del venditore, una volta
venuto a conoscenza.
E’ una questione di principio.
Se, nonostante tutto, la lettera legale dovesse rimanere lettera morta, è bene rivolgersi al CONCILIATORE, figura operativa nelle liti condominiali dal 20 marzo 2012.
Non sono tanto le 250,00 euro che indispettiscono, quanto il comportamento INSULSO del venditore, per giunta arrogante!!!
Cordialità

Geom. Terracciano

Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Gestione condominiale dubbia Successivo Mutui 100% con la Cassa Depositi e Prestiti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.