Nomina amministratore

Egr. dott. Terracciano
Gentilmente le Vorrei esporre la mia problematica.
In data 11.07.2012 revocando il vecchio amministratore il condominio ha dato incarico alla mia persona di gestire gli interessi del condominio.
Recatomi dal precedente amministratore per il passaggio delle consegne, con stupore vengo a sapere che quest' ultimo ha omesso la presentazione nonché l'approvazione del bilancio preventivo e consuntivo per gli ultimi due anni, riscuotendo però le quote condominiali fino a Febbraio 2012. Atteso che il condominio ha scadenze improrogabili da pagare( ENEL, pulizia, gas) la riscossione delle quote condominiali dovrà avvenire sulla base del bilancio ultimo approvato o si dovrà prima approvare un nuovo presentare nuovo  bilancio?. Inoltre dei bilanci non approvati di cui il vecchio amministratore mi fornisce fotocopie dovrò darne conto all'assemblea o potrò rivederli per fare approvare un nuovo bilancio? 

Certo di un celere riscontro alla presente è gradita l'occasione per porvi distinti saluti. 

Egregio amministratore, buon giorno.

Lei, essendo subentrato all’amministratore revocato dall’assemblea, ha soltanto il compito di effettuare il passaggio delle consegne, con tanto di verbale scritto e sottoscritto, unitamente alla CHIUSURA di CASSA.

Lei non ha obbligo alcuno di rivedere bilanci NON approvati dall’assemblea nei due anni precedenti, anche perché sarebbe un lavoro “”immane”” non avendo gestito in forma diretta il condominio.

Per riscuotere le quote deve fare, temporaneamente, riferimento all’ultimo bilancio preventivo regolarmente approvato dall’assemblea.

Nel contempo, sulla scorta dei bilanci non approvati, dai quali ricavare le voci di spesa ricorrenti, appronterà il suo bilancio preventivo da presentare all’assemblea straordinaria per l’approvazione.

Alla presentazione del bilancio preventivo allegherà una sua comunicazione/relazione con la quale evidenzierà lo STATO DI CASSA al momento del passaggio delle consegne, stato dal quale si partirà per la nuova gestione contabile/amministrativa del condominio, anche perché sarebbe illogico, per lei, entrare nel merito dei bilanci non approvati precedentemente.

Volendo, si può sempre decidere di approvare i bilanci precedenti per porre fine ad una situazione anomala, anche perché ci saranno senz’altro crediti e debiti non pagati e non riscossi, diversamente ci sarebbe anche un buco di bilancio da colmare, volente o nolente.

CONSIGLIO FINALE: Non assuma alcuna responsabilità nei confronti dei bilanci non approvati, riferisca che lei non è una società di revisione, per cui, se l’assemblea è d’accordo, lei deve partire da ZERO, diversamente rassegni seduta stante le dimissioni.

I bilanci andavano COMUNQUE APPROVATI, con riserva di….., ma APPROVATI.

Non ha alcun senso non averli approvati.

Cordialità

Geom. Terracciano

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Spese superflue Successivo Compenso per assemblee straordinarie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.