A Milano ripartono le compravendite

Si risveglia il mattone nel capoluogo meneghino. Prospettive positive per il mercato immobiliare nel capoluogo lombardo giungono dal Centro Studi di Casa.it, che ha incrociato i dati dell’Agenzia delle Entrate sulle compravendite con le informazioni sull’andamento dei prezzi al metro quadro e sugli orientamenti di domanda e offerta estrapolati dagli oltre 32.000 annunci immobiliari pubblicati dal portale.   L’anno potrebbe chiudersi in positivo, segnando una crescita degli scambi per ben due anni consecutivi (il 2013 si era chiuso con un +3,4% sul 2012), attestandosi sopra le 15.000 case vendute.

Compravendite in rialzo a Milano – Anche il terzo trimestre 2014 si è chiuso positivamente facendo segnare un più che confortante +5,2% in termini di compravendite. L’inversione di tendenza si è fatta sentire anche in provincia, dove l’incremento rispetto al 2013 è stato del 2,7%. Milano, ha sempre anticipato i trend del settore per il resto d’Italia e anche stavolta per tutte le principali città i dati sono tornati positivi.

Prezzi dei proprietari lontani da quelli degli acquirenti – Nei primi nove mesi dell’anno i prezzi delle abitazioni in vendita a Milano sono diminuiti di appena l’1,4%. Di contro, nello stesso periodo i prezzi espressi da chi cerca casa hanno subito un ridimensionamento del 6,9%. Il gap tra le quotazioni dei venditori e quelle dei potenziali acquirenti supera così il 12%. Casa.it colloca l’attuale punto ottimale d’incontro tra le richieste delle parti (Key Market Price) intorno ai € 3.750 al mq.

 Più offerta in periferia – La disponibilità di abitazioni in vendita a Milano si concentra soprattutto in quartieri periferici o semi-centrali come Ripamonti, Bovisa-Affori e Città Studi. È in rapida crescita, tuttavia, l’offerta nei quartieri Fiera-Sempione e Garibaldi-Isola, trainata dalle grandi operazioni di riqualificazione urbanistica Citylife e Porta Nuova.

Le zone più richieste da chi cerca casa – Affori-Bovisa è al momento l’area più richiesta negli annunci di chi cerca casa, tallonata da presso da Fiera-Sempione, Garibaldi-Isola, Forlanini-XXII Marzo  e Repubblica, tutti quartieri con un elevato indice di richieste.

Alla ricerca dei vani giusti – Bilocali e trilocali sono di gran lunga (57%) i preferiti dagli acquirenti, seguiti dai quadrivani (18%), dai monolocali (17%) e dai 5 vani o più (10%).
La domanda di monolocali si concentra nei quartieri di Città Studi (28%), Affori-Bovisa (28%) e Greco-Bicocca (22%), in corrispondenza dei poli universitari, ad indicare che anche la domanda per investimento non è poi del tutto scomparsa. Per i bilocali e i trilocali la ricerca è pressoché uniforme in tutta l’area urbana. Soluzioni più piccole sono richieste nei quartieri periferici e semi-centrali, dai prezzi al metro quadro più avvicinabili, mentre per gli appartamenti di 3 locali c’è maggiore attenzione in quartieri come Garibaldi-Isola (25%), Fiera-Sempione (23%) e Forlanini-XXII Marzo (20%).

Le zone più gettonate da chi è orientato all’acquisto di un quadrivano sono Brera (27%) e Magenta (22%), ma con Fiera-Citylife (20%) e Garibaldi-Porta Nuova (18%) in piena ascesa. L’élite interessata a una nuova collocazione abitativa da 5 o più vani oggi focalizza la propria ricerca in quartieri di pregio come Magenta-Monti, Quadrilatero della Moda, Brera e Pagano.

L’incremento nelle compravendite concluse è senz’altro un fatto positivo in una città che più di altre ha pagato dazio nel passaggio dall’euforia pre-crisi alla prolungata stagnazione del mercato” – osserva Daniele Mancini, Amministratore Delegato di Casa.it. “L’incremento quantitativo e qualitativo dell’offerta collegato all’avanzamento dei grandi interventi di riqualificazione urbanistica ha sicuramente contribuito a questa ritrovata dinamicità, così come l’avvicinarsi all’inaugurazione dell’Expo. Va detto, però, che la tendenza deve ancora consolidarsi e che ci sono nodi tuttora da sciogliere per garantire maggiore equilibrio e fluidità al mercato.

milano

Precedente Oneri condominiali: il rifiuto verbale di pagarli ha valore? Successivo Ruolo amministratore in assemblea

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.