Malgrado le tasse, la casa è sempre un affare

 

Affitto o acquisto? In tempi di recessione economica e di ristrettezze finanziarie, quando le banche negano il mutuo richiesto perchè il lavoro è precario e le tasse sulla casa lievitano sempre più, il dilemma fra acquisto o affitto di una casa assilla sempre più famiglie. Per molti l’affitto diventa così una scelta obbligata, ma per chi avesse un capitale a disposizione, l’acquisto alla lunga ripaga delle spese sostenute, fisco incluso.

 

L’Ufficio Studi Tecnocasa ha calcolato la convenienza fra canoni di locazione e rate di mutuo per bilocali e trilocali in zone centrali centrali o semicentrali di Roma e Milano, le due metropoli dove le cifre raggiungono i picchi più elevati. L’analisi ha preso in considerazione anche la Tasi (sia per il proprietario e sia per l’inquilino) e altre spese. Nel caso dell’affitto sono stati calcolati le spese di registrazione del contratto e l’adeguamento Istat del canone di locazione. Si è partito da un capitale iniziale di 100mila € che il proprietario utilizza per l’acquisto dell’immobile, accendendo un mutuo del 60-70% del valore dell‘immobile e l’inquilino investe in Btp.

 

 Bilo e trilocali romani, meglio l‘acquisto  – Dopo i dovuti calcoli, emerge che nel primo anno sarà più conveniente affittare il bilocale di 65 mq, che costa in affitto 850 € al mese contro una rata mensile di 1182 € del mutuo per l’acquisto. Investendo il capitale iniziale in un conto corrente bancario ordinario con tasso di remunerazione dello 0,27% lordo, nonché l’eventuale differenza tra i costi di gestione dell’immobile, i costi della locazione e il beneficio fiscale per la detrazione degli interessi, a lungo termine conviene però accollarsi il mutuo.

 

Infatti, dopo 25 anni, ovvero all’estinzione del mutuo, risulta per il proprietario un guadagno di  99.037€, cacolato sottraendo al valore futuro dell’immobile le rate del mutuo. L‘inquilino invece avrà perso 61.371€, cifra che risulta dal capitale investito nel conto corrente, da cui vengono sottratti i canoni di locazione. A lungo termine dunque conviene l’acquisto.

 

Stessa operazione  viene effettuata nel caso di un trilocale a Roma, che nel primo anno vedrà risparmiare l’inquilino, che spende 1200 € al mese contro una rata mensile di 1565 € per il proprietario. Dopo 25 anni, ovvero all’estinzione del mutuo il proprietario avrà guadagnato 234.380 €  (Valore futuro immobile – rate del mutuo), mentre l‘inquilino appena 5626 € (Capitale investito – canoni di locazione + eventuale differenza rata mutuo/canone e altri costi benefici)

 

 Anche a Milano meglio comprare  – Sul mercato milanese un bilocale di 60 mq costa in affitto 850 € al mese contro una rata mensile di mutuo  pari a 1058 €. Il capitale iniziale viene anche qui investito dall‘inquilino in un conto corrente bancario ordinario con tasso di remunerazione dello 0,27% lordo, insieme all’eventuale differenza tra i costi di gestione dell’immobile, i costi della locazione e il beneficio fiscale per la detrazione degli interessi.

 

Al termine della durata 25ennale del mutuo, il guadagno percepito dal proprietario sarà pari a 104.826 €  (Valore futuro immobile – rate del mutuo) mentre l’inquilino, perderà 101.378 €  (Capitale investito – canoni di locazione + eventuale differenza rata mutuo/canone e altri costi benefici).

 

Se l’inquilino affitta invece un trilocale,  spende 1000 € al mese contro una rata mensile di mutuo di 1272 € del proprietario. La somma risparmiata la investe in un conto corrente bancario ordinario con tasso di remunerazione dello 0,27% lordo, così come il capitale iniziale e l’eventuale differenza tra i costi di gestione dell’immobile, i costi della locazione e il beneficio fiscale per la detrazione degli interessi.  Anche qui a lungo termine converrà di gran lunga l’acquisto, visto che il proprietario avrà ottenuto 126.653 €  dalla rivalutazione dell’immobile, sottraendo la spesa del mutuo.  L‘inquilino invece perderà 108.186 €, considerando il capitale investito – canoni di locazione + eventuale differenza rata mutuo/canone e altri costi benefici.

To rent or buy?

Precedente Nomina direttore tecnico tra due candidati precedentemente scelti tra 5 Successivo Tecnocasa: la discesa dei canoni dal 2008 ad oggi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.