Luce delle scale ad orari: è possibile?

Buongiorno. Alcuni condomini vorrebbero, per consumare meno corrente elettrica, far si che per buona parte della giornata ( mattina e primo pomeriggio ) non si possa utilizzare, quindi accendere, la luce delle scale.
Anzi senza nemmeno parlarne alle riunioni condominiali ( siamo 9 condomini – 3 piani ) sembra abbiano già eseguito o fatto eseguire un collegamento tramite un timer o un sensore di luminosità che stacca corrente a tutti gli interuttori delle scale tanto è vero che ora fino alle 19,30 nulla funziona.
Certamente è stata un’azione arbitraria che provvederò a segnalare all’amministratore chiedendo che venga rimesso tutto come era prima … ma le chiedo …. la luce scala non è da considerarsi come un diritto
nell’ambito condominiale ? Cioè , nell’arco della giornata deve essere sempre disponibile in caso di necessità?  Io ho sempre saputo che va regolato lo spegnimento per permettere di arrivare agli ultimi piani ma non staccata per parte della giornata come è stato fatto.
Saluti
Valerio Fornasini

Egregio Valerio, buonasera.
Di fronte a siffatta “”miseria intellettuale”” si rimane davvero interdetti.
Porsi il problema, in un condominio ove abitano ben 9 condomini, su come risparmiare sull’energia elettrica che alimenta le parti comuni, tra cui le scale e l’androne, è davvero mortificante, per chi ci abita e per chi, come me, legge il quesito.

Ammettiamo che nella palazzina dove lei abita ci siano lampade ad incandescenza, quindi non a fluorescenza, per un totale di 280 Wh e che le stesse , mediamente, rimangono accese per 10 ore al giorno, avremo un consumo giornaliero di Wh 280 x 10 ore = Kwk 2,8, che moltiplicato per un prezzo medio di € 0,20 al Kilowattora dà una spesa giornaliera pari ad € 0,56 che moltiplicato 60 giorni dà un importo di bolletta bimestrale ENEL
pari a € 33,60, che diviso 9 condomini dà una spesa pro capite bimestrale di € 3,73, che tradotta in anno è pari a € 22,40.

Quindi c’è solo da chiedersi: ESISTE IL PROBLEMA CONSUMO?
Penso, invece, che esiste il problema “”IGNORANZA””, sinonimo di presunzione, per cui è bene che l’amministratore convochi urgentemente l’assemblea per ribadire certi concetti che, sicuramente, sfuggono a coloro che ci abitano.
Solo così certi soggetti potranno essere ridimensionati.
Cordiali saluti

Precedente Cambio ditta per le pulizie condominiali Successivo Calcinacci che cadono dal balcone: chi è responsabile?

Un commento su “Luce delle scale ad orari: è possibile?

  1. silvio il said:

    E’ vero che per un solo condominio il risparmio non è una cifra importante, ma se tutti i condomini d’Italia applicassero questo accorgimento l’ENEL richiederebbe meno energia elettrica dalla Francia o dalla Svizzera e forse i costi diminuirebbero.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.