Lavori smussamento per utilizzare il proprio box

Buongiorno. Ho già avuto modo in passato di avvalermi della sua consulenza e ora gradirei se potesse rispondere al seguente quesito:
Nel condominio dove abito sono proprietario di due box. Uno l’ho acquistato recentemente. Purtroppo mi sono accorto che nel modo in cui è ubicato è estremamente difficile entrare con l’auto.
I box si trovano sotto al cortile del palazzo, sotto il livello stradale. Il mio è a ridosso del muro di contenimento che confina con il marciapiede sovrastante. Quando hanno costruito questa parete non hanno fatto caso che partendo dall’ingresso del box verso il cortile, dopo circa mezzo metro il muro prende un’inclinazione orizzontale all’interno. Praticamente quando l’auto e in posizione diritta per entrare metà di questa è rasente il muro di circa 2 cm.
Come può comprendere la manovra in entrata e soprattutto in retromarcia è a rischio di collisione.
Il proprietario precedente non avendo mai utilizzato il box per l’auto non aveva mai fatto caso a questo problema.
Vorrei sapere se è mio diritto chiedere al condominio di smussare una parte del muro affinché io possa utilizzare il mio bene in modo corretto. Ovviamente a spese del condominio.
Anche se la costruzione risale agli anni 70 non penso che valga il concetto che ormai è stato accettato così com’è, e il lavoro da farsi debba essere a mie spese. Ringraziandola anticipatamente le porgo distinti saluti.


Gentile lettore, buongiorno.
Ho letto il quesito postomi, per cui mi viene subito da chiedere:
Ha preso visone del box prima di acquistarlo?
Immagino di si, per cui il difetto costruttivo era evidente e avrebbe dovuto chiedersi come mai il venditore non aveva mai utilizzato quel box per parcheggiare la propria auto.
Secondo il mio parere trattasi di VIZIO, per il quale potrebbe anche invalidare l’atto di acquisto, ma per avere questa certezza dovrebbe rivolgersi al suo avvocato di fiducia.
Lei ha acquistato quel locale box per parcheggiare l’autovettura non certamente come deposito, questo a prescindere dalla possibilità o meno di un intervento sul muro di confine, ammesso che ricorrano i presupposti tecnici e strutturali.
Non credo che il condominio, quale custode delle parti comuni, debba in qualche modo intervenire, al limite chi deve intervenire è il venditore, anche se ignaro del problema.
Cordialmente
Geom. Terracciano
Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Lavori rifacimento parti comuni Successivo Utilizzo canna fumaria

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.