La ricerca della casa è sempre più “mobile”

L’immobiliare viaggia sempre più sui dispositivi mobili. Oggi la casa è sempre più a portata di „dito“. A tocchi di dita sul touchscreen, sarebbe meglio dire. La ricerca di annunci immobiliari su portali specializzati non avviene più tanto dal Pc o dal notebook o netbook. Si fa prima con i piccoli schermi.

Chi si reca in un’agenzia immobiliare oggi, presenta l’immobile prescelto sull‘“app“  o sul sito web dello smarthphone o del tablet. Fino a non molto tempo fa invece i clienti che si recavano nelle agenzie affiliate del Gruppo Tecnocasa per chiedere informazioni sull’immobile che desideravano acquistare, si presentavano con uno stampato ottenuto navigando  sul portale Tecnocasa.it.

„Sempre più spesso i nostri affiliati ci hanno segnalato clienti che invece ora si presentano con apparecchiature “mobile” – riporta una nota del Gruppo Tecnocasa.

„App“  o web da mobile – Dilaga anche  in Italia l’utilizzo di device mobile, siano smartphone o tablet, con un trend di crescita elevato. Il pubblico si divide tra utilizzatori di “app” e navigatori web da mobile.

Da un sondaggio fatto con i clienti, tra tutte le applicazioni scaricate e definite “utili”, le più gradite risultano proprio quelle che consentono la ricerca di informazioni legate alla presenza territoriale del prodotto/servizio che si sta ricercando.

Sempre più scaricata l’App immobiliare – L‘ “App” del Gruppo Tecnocasa per Iphone e Android è stata scaricata da oltre 142.000 utenti (più di 53.000 nel 2013), che hanno effettuato oltre 315.000 ricerche di immobili (più di 132.000 nel 2013).

Anche la  navigazione  sul sito web dallo smartphone è raddoppiata. Nel corso del mese di novembre 2013 le connessioni al portale tecnocasa.it tramite dispositivi mobili sono state più di 17.000 al giorno, un numero altissimo se si considera che nel pari periodo del 2012 erano meno della metà (circa 8.000 navigatori al giorno).

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Canoni più economici, più famiglie in affitto Successivo Mini Imu, un rompicapo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.