Infiltrazioni nelle cantinole: che fare?

Buongiorno, geometra Terracciano, vorrei mi chiarisse questo aspetto: abbiamo infiltrazioni nelle cantine sovrastate da un giardino in uso esclusivo. Dovendo ripristinare le guaine ed il massetto, tale spesa viene divisa in 1/3 2/3. A chi compete invece, e in che proporzione, la rimozione del terreno e delle piante ed il loro ripristino? Inoltre il corridoio che porta alle cantine, per il cui accesso c’ è una porta ignifuga, è da considerare con la tabelle rampa (che comprende box ed area di manovra), o è da considerarsi condominiale o ad uso esclusivo dei proprietari delle cantine? Grazie per il chiarimento Gianfranco

Abbiamo infiltrazioni nelle cantine sovrastate da un giardino. A chi compete invece la rimozione del terreno e delle piante ed il loro ripristino?
Abbiamo infiltrazioni nelle cantine sovrastate da un giardino. A chi compete invece la rimozione del terreno e delle piante ed il loro ripristino?


Caro lettore Gianfranco buon giorno.

E’ errato applicare l’articolo 1126 del codice civile, il quale ripartisce i costi per 1/3 e 2/3, va applicato, senza ombra di dubbio alcuno, l’articolo 1125 c.c., pertanto la spesa va ripartita al 50% tra il proprietario del giardino in uso esclusivo e tutti coloro che, in proiezione, sono coperti dallo stesso.

Le spese per la rimozione terra, piante o altro, così pure la nuova messa a dimora, vanno sostenute unicamente dal proprietario che gode dell’uso.

Le cantinole, di solito, hanno i propri valori millesimali, pertanto il 50% della spesa va divisa per la somma di tutti i millesimi delle cantinole ed il quoziente va moltiplicato per i millesimi cantine di ognuno.

Cordiali saluti

Geom. Oreste TERRACCIANO

Precedente Passaggio consegna tra amministratore uscente e nuovo Successivo Condominio minimo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.