Incapacità gestionale amministratore

Buongiorno geometra, Le rubo una sua preziosa consulenza:

in virtù dell’entrata in vigore della nuova riforma del condominio ove ha peraltro ulteriormente ribadito la natura fiscale del condominio quale sostituto d’imposta, all’art 1129 in merito alla revoca dell’amministratore “in caso di gravi irregolarità fiscali anche un solo condomino può richiedere la convocazione di un assemblea per far cessare l ‘irregolarità'”, atteso che con piu comunicazioni gli ho richiesto la documentazione (mod 770 ecc) e non mi ha mai fornito risposta e pertanto ho tutti i sospetti che non ha adempiuto agli obblighi previsti dalla normativa fiscale in vigore, Le chiedo entro quanto tempo deve convocare la riunione?? Si può assimilare alla richiesta in base all’art.66 delle disposizioni di attuazione del cc???

Inoltre se nel bilancio di previsione per le quote ordinarie mensili  è stata già prevista la quota per gli  espurghi , l’amministratore può chiedere un decreto ingiuntivo per la quota di un intervento per espurgo??? Se pure fosse un intervento straordinario è vero che lo potrebbe fare ma nella prima riunione utile dovrebbe farsi ratificare la spesa urgente e poi semmai agire per un decreto ingiuntivo. Tra l’altro ha richiesto un decreto ingiuntivo non in virtù di una fattura emessa dalla ditta ma bensì in virtù di un foglio lavoro, calcolando anche l’iva al 22% che in base al decreto Ronchi cosi come anche chiarito dall’agenzia delle entrate con propria risoluzione l’iva per gli espurghi è al 10%. Sempre grato della sua consulenza Le auguro buona giornata.

Buon giorno.

CHE DISASTRO DI AMMINISTRATORE!!!!

Si, i presupposti per chiedere la REVOCA giudiziale ci sono tutti, quindi si rechi da un avvocato e chieda di rivolgersi al giudice per la REVOCA, se il giudice accoglierà la sua richiesta, dopo aver esaminato le condizioni, vedrà che addebiterà i costi all’amministratore.

Si va da un avvocato, oppure se si è in grado di farlo da soli si procede per VOLONTARIA GIURISDIZIONE presentando la domanda circostanziata, si enumerano i presupposti e poi il giudice fisserà l’udienza per ascoltare l’amministratore, dopodiché sentenzia l’ITER procedurale.

Non entro nel merito dell’operato dell’amministratore in quanto ho anticipato che è un disastro, quindi si dia da fare.

cordialità

Geom. Terracciano

Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Ripartizione spesa lastrico solare Successivo Utilizzo posti auto in condominio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.