In lenta ripresa il mercato dei mutui

Torna in auge la rottamazione dei mutui. Le richieste di surroga dei mutui sono infatti passate dal 10% del totale del primo semestre 2013 al 20% del primo semestre 2014, grazie alla progressiva riduzione degli spread offerti dalle banche, secondo dalla nuova edizione della Bussola Mutui, il bollettino trimestrale firmato CRIF e MutuiSupermarket.it.

Domanda in ascesa – Le pratiche di mutuo presentate nei primi 6 mesi del 2014 sono aumentate del +10,3% rispetto al pari periodo 2013, dato positivo ma ancora in forte ritardo rispetto agli anni 2009-2011. Infatti le domande raccolte nel primo semestre 2014 sono dimezzate rispetto a quelle del primo semestre degli anni 2009 e 2010.

La ripresa delle surroghe – Le richieste di mutuo di surroga inoltrate dai mutuatari durante il secondo trimestre 2014 hanno raggiunto il 18% del totale contro il 12% del primo trimestre 2014, per effetto della continua e progressiva riduzione degli spread offerti dalle banche sui propri mutui di surroga.

 Tasso variabile o con Cap – Le preferenze dei mutuatari rimangono concentrate verso il tasso variabile e il tasso variabile con Cap che assieme coprono  nel secondo trimestre 2014 il 75% delle richieste, in calo rispetto all’82% del primo trimestre 2014, poiché sono risalite le richieste di mutuo di surroga e sostituzione a tasso fisso (19% delle richieste nel secondo trimestre 2014 rispetto al 14% del primo trimestre 2014), che permette – in special modo a chi aveva inizialmente sottoscritto un mutuo a tasso fisso – di beneficiare da un lato di nuovi indici di riferimento IRS molto prossimi ai minimi storici di sempre e, dall’altro, di spread di offerta inferiori rispetto a quelli sottoscritti inizialmente.

Si riduce l’importo medio – Nel secondo trimestre 2014 l’importo medio richiesto raggiunge il minimo storico di 124.504 euro (contro i 136.806 del primo trimestre 2012). A determinarlo, la prudenza sia delle famiglie sia degli istituti di credito, la svalutazione degli immobili e l’aumento dei mutui con finalità surroga, che notoriamente presentano un importo medio inferiore rispetto ai mutui per acquisto casa, dato che per i primi è già avvenuta la restituzione alla banca di parte del capitale preso a prestito inizialmente.

Aumentano i mutui erogati – I recenti dati di Banca d’Italia mostrano un aumento nel primo trimestre 2014  del 5,3% dei mutui erogati,  rispetto al primo trimestre 2013. Una ripresa dell’offerta favorita sia dall’aumento del numero delle compravendite (+4,1% nel primo trimestre 2014 ) rispetto agli anni precedenti  che dal progressivo aumento delle nuove erogazioni di mutuo con finalità surroga e sostituzione. Tuttavia risulta che meno di 4 abitazioni su 10 sono state acquistate con il sostegno di un mutuo – il 37,6% del totale,  – a conferma del fatto che gli italiani per l’acquisto della casa tendono  ad attingere ai risparmi o a rivolgersi alla cerchia familiare per timore di non riuscire a ripagare regolarmente le rate.

House Calculation

Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Il mercato del mattone nelle vie dello shopping Successivo Seconde case meno care

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.