Il 2014 si chiude con il segno + per i mutui

Questa fine d’anno conferma per il mercato dei mutui immobiliari quei segnali di ripresa già avvertiti nel corso dell’anno che si sta chiudendo.

Le banche tornano a sostenere gli acquisti di immobili – Secondo l’Osservatorio Assofin – Crif – Prometeia, il miglioramento delle prospettive economiche dei potenziali nuovi mutuatari e una rinnovata offerta creditizia più flessibile e specifica da parte degli istituti di credito, ha conseguito nei primi nove mesi dell’anno un aumento dei finanziamenti per l’acquisto di immobili  del 5,3%, mentre il numero di contratti è aumentato del 7,1%. I mutui a tasso variabile, più convenienti, sono stati scelti nel 67% dei casi.

Boom della surroga – Un vero e proprio boom, legato anch’esso alla convenienza del tasso variabile, è quello registrato dai mutui di surroga (+208%), il cui importo medio è aumentato dal 2013, raggiungendo i 114.000 euro nei primi 9 mesi del 2014, mentre quello dei mutui di acquisto continua nel trend di riduzione (119.000 euro), conseguenza della contrazione del valore degli immobili e della cautela delle famiglie.Real Estate Concept. Abstract house with calculator

 

Precedente Contatore divisionale acqua Successivo Cortina regina del caro affitti in montagna

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.