Guida sulle aste immobiliari

Con la crisi perdurante che ha investito anche il settore immobiliare, acquistare un immobile all’asta è sempre più un affare. Ma come capire se lo è veramente?

E’ possibile usufruire di un mutuo? Le risposte a tutte le domande sull’acquisto di casa all’asta, nella la  nona Guida per il Cittadino “Acquisto all’asta. Un modo alternativo e sicuro di comprare casa”, curata dal Consiglio Nazionale del Notariato insieme ad Adoc, Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva,  Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori.

Due tipi di aste immobiliari –  Le aste immobiliari possono essere giudiziarie e di dismissione del patrimonio pubblico. L’asta giudiziaria realizza la vendita forzata di un immobile a causa di debiti insoluti da parte del proprietario. Nelle aste dismissive, invece, lo Stato o un ente pubblico offrono in vendita un bene immobile.

Secondo gli ultimi dati disponibili le vendite giudiziarie di beni immobili sono state nel primo semestre 2012 quasi 23.000 rispetto alle 38.900 dell’intero 2011. Ipotizzando lo stesso ritmo anche nella seconda parte del 2012 si può prevedere un trend di crescita del 18%.

Risposte per ogni dubbio – Nella Guida, si possono trovare le risposte ai dubbi più frequenti: ad esempio se sia possibile o meno usufruire di un mutuo per l’acquisto all’asta e come debbano comportarsi i coniugi in regime patrimoniale di comunione dei beni. Quali sono le procedure da seguire, gli strumenti per capire se si sta facendo un buon affare.

Progetto Rete Aste Notarili – (RAN) lanciato dal Consiglio Nazionale del Notariato, garantisce un alto livello di sicurezza, facilità di accesso al cittadino e la riduzione dei costi. Per le aste giudiziarie nelle quali il giudice prevede l’utilizzo della RAN si può quindi partecipare all’asta presentandosi da un notaio periferico su tutto il territorio nazionale, senza dover essere presente fisicamente nel luogo dell’asta e presentando offerte residuali al ribasso, il tutto via web.

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Sei proposte per far ripartire il mercato immobiliare Successivo Spese eccedenza in seguito a rottura tubazione acqua potabie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.