Gestione arrogante condominio

Egr.geometra, mi sono permessa di scriverle per esporle alcune problematiche inerenti il mio condominio. Sono una donna che abita in Emilia Romagna. Siamo 10 proprietari, in un condominio dove da sempre c’è un signore che conteggia le spese senza essere iscritto a nessun albo, ma tutti tranne noi sono consenzienti. Questo signore non per nulla imparziale, quando gli poniamo delle problematiche storce il naso e ci aggredisce dicendo che lui non è amministratore e fa i conteggi e basta e non dobbiamo rompergli i “…….” e ci manda letteralmente a quel paese senza rispetto che si tratti di me o mio marito. Per farla breve, abbiamo sottoposto al signore capo scala questo problema:

un altro condomino  svolge funzioni di giardinaggio nel condominio e lascia da aprile ad ottobre i tubi  per innaffiare il giardino condominiale sempre pronte all’uso, senza mai arrotolarle quando termina di innaffiare e in più per oltre un mese ha lasciato un rastrello alla portata di tutti sempre sul giardino. Io ho due bimbi di 3 e 7 anni, e sono caduti piu’ volte in bicicletta oppure giocando a palla proprio a causa di questi tubi. Abbiamo chiesto quindi anche per la sistemazione e il decoro delle parti comuni di riporle dopo l’uso. Ci è stato risposto di andarcene dal condominio che creiamo sempre problemi e che agli altri la cosa non da fastidio e deve fare così per poter lavorare(la persone che cura il giardino è una testa calda e x quieto vivere tutti  gli danno sempre ragione).

Ora addirittura vogliono cambiare il regolamento sottoscrivendo che se un bambino si fa male nel cortile (che dicono non essere un parco giochi, anche sei miei figli ci stanno ben poco), a causa di qualche oggetto lasciato in giro, oppure se cade qualcosa dall’alto, la colpa è esclusivamente dei genitori . Da quello che so non è così. Mia mamma è stata al SUNIA e ha capito che queste cose non sono possibili, quindi chiedo anche a lei se mia mamma ha capito correttamente.

Possono scrivere questa novità nel regolamento anche se noi non siamo d’accordo?

Di chi è la colpa se mia figlia inciampa nei tubi per innaffiare che in quel momento non sono utilizzati? E’ ancora corretto che ci sia una persona che gestisca un condominio senza essere iscritto all’albo?(ho sentito dire che sta per cambiare la legge…) la ringrazio tantissimo per il tempo che vorrà dedicami e attendo sue delucidazioni.

Gentilissima signora napoletana come me, buona sera.

Credevo che in Emilia Romagna ci fosse più attenzione nei confronti della  corretta gestione condominiale, invece, devo constatare che……tutto il mondo è paese!!!

Per farle capire come realmente stanno le cose nel condominio ove abita e dove un condomino, emerito sconosciuto, si arroga il diritto di “”conteggiare “” le spese, le dico che il condominio ove lei risiede è un condominio con la C maiuscola, è Sostituto di Imposta, per cui necessita del suo CODICE FISCALE, e per volturare a suo nome tutte le utenze comuni e per fare intestare le fatture di eventuali interventi di manutenzione ad esso e non ad un emerito sconosciuto.

Il condominio ove lei risiede, ha l’obbligo GIURIDICO di nominare l’amministratore, articolo 1129 del codice civile, tra l’altro INDEROGABILE, non importa se interno e/o esterno se retribuito o non, se iscritto o meno ad un Albo Privato, l’interessante, almeno fino a quando non muterà la sostanza con l’approvazione definitiva della RIFORMA DEL CONDOMINIO, è nominarlo e che la sua nomina sia DELIBERATA, con le dovute maggioranze, in assemblea.

Questo individuo che afferma di non essere l’amministratore ma di fare solo i conteggi delle spese, in pratica non è NESSUNO, è solo un volgare individuo, visto che si è permesso di rivolgersi ad altri condomini con epiteti irripetibili, quindi va disconosciuto e messo da parte senza se e senza ma.

Mi chiedo: chi ha autorizzato un altro condomino ad occuparsi del servizio relativo al giardinaggio?

Se dovesse farsoi male, chi lo paga?

Se dovesse, dopo anni, chiedere di essere retribuito per il lavoro fatto con il relativo versamento dei contributi, chi paga?

Il regolamento è sicuramente di natura interna, quindi assembleare, quindi non si può cambiarlo a proprio piacimento, magari escludendo responsabilità che andrebbero a violare il diritto dei singoli condomini, quindi chi sta in difetto è il condomino che svolge le mansioni di giardiniere, non certamente i bambini che ivi giocano.

Signora di Napoli, ma residente a Reggio Emilia, se lei riesce ad ottenere la fiducia degli altri condomini, mi riferisco alla maggioranza naturalmente, me lo faccia sapere, così “”CACCEREMO”” quel volgare individuo, nel senso letterale della parola, ma nel rispetto della LEGGE.

Diversamente lei dovrà solo subire le angherie, le umiliazioni, non tanto perchè meridionale, ma perchè non ha la conoscenza specifica della materia condominiale, in quanto , le posso assicurare, che quel signore starebbe altrove se abitassi io al suo posto.

cordialità

Geom. Terracciano

Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Delega in assemblea non riportata in verbale Successivo Rata del mutuo o canone d'affitto?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.