Esenzione da alcune spese

Gentilissimo, un quesito, praticamente nel condominio un appartamento dato in locazione è stato fatto lo sfratto e quindi adesso risulta essere vuoto, le spese relative alla fornitura di energia elettrica delle scale e quelle relative alla pulizia delle scale continuano a essere ripartite tenendo conto anche dell’appartamento vuoto, facendole pagare al proprietario, può il proprietario obiettare dicendo che trattandosi di spese di consumo e dato che non ne usa non essere tenuto al pagamento?
Inoltre, nel vano scale è stato necessario l’intervento di un’impresa di pulizie per disinfettare la zona e pulirla accuratamente dato che è stato trovato un topo morto, tali spese vanno addebitate ai proprietari o agli inquilini? Saluti, e grazie.

Caro lettore, chiariamo subito un concetto:

L’esenzione, del condomino/proprietario, dalle spese o da determinate spese comuni deve risultare UNICAMENTE dal REGOLAMENTO DI CONDOMINIO CONVENZIONALE/CONTRATTUALE, quindi nessuna eccezione potrà essere fatta in mancanza della clausola contenuta nel regolamento.

Riferisca pure al condomino che si sbaglia di grosso e che vita natural durante, ammesso che rimanga lui proprietario, deve concorrere alle spese e di gestione e dei servizi annessi e connessi.

Per quanto riguarda la disinfestazione questa spesa è da addebitare agli inquilini se esistenti ne condominio,per un motivo molto semplice, si tratta di azione temporanea per la soluzione di un problema di ordinario intervento e non di azione atta a durare negli anni.

Cordiali saluti

Geom. Oreste TERRACCIANO

Leggi per approfondire il problema su facebook

Precedente Quadratura bilanci Successivo La cucina meglio se abitabile

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.