Cosa evitare quando si prende casa in affitto

Cercare casa in affitto richiede tanto tempo e anche occhio vigile per non cadere in brutte sorprese. Ecco che Casa.it indica i “5 errori più comuni da non commettere quando si sta per firmare un contratto d’affitto.”.

Non aver visitato la zona– Scegliere una casa che ci aggrada ma in un quartiere che non offre servizi, negozi e mezzi pubblici è una  cattedrale in un deserto.  E’ bene perlustrare la zona e  informarsi sulla vicinanza di supermercati,  mezzi pubblici e servizi vari. Monitorarne il traffico, la situazione dei parcheggi e soprattutto la quiete nelle ore serali.

Soprassedere su alcune domande – Sbagliato anche evitare di fare più domande possibili al vostro padrone di casa in merito all’appartamento, al condominio e alla zona. E’ utile informarsi sui vicini,  sulla presenza nel regolamento condominiale di restrizioni particolari, come la presenza di animali domestici, la sfruttabilità delle parti comuni come un cortile per un posto bici, ad esempio.

Le tasse e le bollette – Uno degli errori più comuni di chi affitta una casa è non sapere come vengono ripartite le spese e chi paga le tasse (ad esempio: la tassa sui rifiuti). Accertatevi sempre che sia tutto chiaro per non incorrere poi in un multe o more.

Non effettuare controlli dell’abitazione prima del trasloco – Attenzione  a controllare scrupolosamente e assolutamente prima di entrare nel nuovo appartamento, l’eventuale presenza di danni già esistenti, da documentare con fotografie. E’bene quindi avvisare sempre il padrone di casa in caso di danni non imputabili al vostro ingresso in casa.

Intervenire senza benestare del padrone di casa – Prima di bucare muri, ridipingere pareti o appendere quadri, effettuare anche minimi lavori minimi, chiedete il permesso al vostro padrone di casa prima di incorrere in spiacevoli discussioni.

affittasi cartello

Precedente Assegnazione casa coniugale e spese condominiali Successivo Sotto il Vesuvio si investe nei monolocali

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.