Conferma o nomina amministratore

Signor Terracciano buongiorno, l’ultima assemblea non ha rinnovato l’incarico all’amministratore

  • presenti 750 millesimi
  • votanti per la conferma 350
  • votanti contrari  alla conferma 400
  • quindi raggiungimento del quorum necessario: 501 millesimi non raggiunto

1- per la nuova assemblea è ancora necessario il quorum di 501 millesimi o è sufficiente la maggioranza di almeno un terzo

2- e poiché i numeri si ripeteranno è vero che l’Amministratore attuale reggerà poi l’Amministrazione per la gestione ordinaria?

3- e che sarà possibile richiedere un amministratore di ufficio al locale tribunale?

Con molti ringraziamenti

Buon giorno, A., poiché lei ha accennato alla conferma, ebbene legga le sentenze che avrebbero consentito, COMUNQUE, di confermare l’amministratore, sarebbe bastata la maggioranza numerica di 1/3 dei presenti con almeno 333,34 millesimi, storia, invece, diversa per la NOMINA, in tal caso, ci sarebbe voluta la maggioranza del 50%+1 con almeno 500 millesimi e non 501 come erroneamente scritto.

Tuttavia l’amministratore rimane in prorogatio imperii con tutte le sue piene funzioni.

Quindi riepiloghiamo:

CONFERMA è sufficiente 1/3 con 333,34 millesimi

NOMINA     è sufficiente 50%+1 con 500 millesimi

CONFERMA DELL’AMMINISTRATORE:
In breve tempo ben due sentenze di merito hanno affermato che, per la delibera che
conferma l’amministratore condominiale, trova applicazione la maggioranza semplice
disciplinata dall’art. 1136, commi 2 e 3, cod. civ. e non quella qualificata dettata dall’art.
1136, comma 5, cod. civ. per la nomina dell’amministratore.
– La prima delle due decisioni è la sent. n. 10701 del 15 maggio 2009 del Tribunale di Roma.

– La seconda è la sent. 17 settembre 2009 del Tribunale di Bologna.
Le due sentenze contengono motivazioni quasi identiche che si basano sulla considerazione fondamentale che la delibera avente per oggetto la nomina dell’amministratore e la delibera avente invece per oggetto la riconferma dell’amministratore sono sottoposte a disposizioni normative diverse: l’art. 1135, n. 1, cod. civ. sulle competenze dell’assemblea per quanto riguarda la riconferma e l’art. 1136, comma 4, cod. civ. con la sua maggioranza qualificata per quanto riguarda la nomina.
In proposito conviene ricordare che l’art. 1135 cod. civ. indica le attribuzioni dell’assemblea e al n. 1 stabilisce che l’assemblea deve provvedere alla conferma dell’amministratore e alla sua eventuale retribuzione; mentre l’art. 1136, comma 4, stabilisce che alcune specifiche deliberazioni – tra cui quella
che ha per oggetto la nomina o la revoca (ma non si dice anche la riconferma) dell’amministratore – devono essere comunque approvate con la maggioranza prevista dal secondo comma (vale a dire un numero di voti che rappresenta la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio).

Cordialmente

Geom. Terracciano

Precedente Lavori su parte comune Successivo Automatizzazione cancello e detrazioni pratica CPI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.