Conferma amministratore, maggioranze

Ho trovato in internet il suo riferimento, per questo mi permetto di porgerle questo quesito sperando possa essermi di aiuto:
nel nostro condominio attualmente
l’amministratore e’ in prorogatio imperii , non avendo raggiunto la maggioranza necessaria nell’ultima assemblea per essere riconfermato ora e’ stata convocata assemblea straordinaria con ordine del giorno: conferma dell’amministratore.

Domande:
1) in questa assemblea straordinaria,   in 2^  convocazione di quale maggioranza avrà bisogno l’attuale  amministratore in prorogati per essere riconfermato?
2) se nell’ordine del giorno fosse stato scritto: nomina amministratore invece che conferma amministratore sarebbe cambiata la maggioranza necessaria per riconfermare l’attuale amministratore in prorogatio, ringrazio anticipatamente distintamente saluto.


Buon giorno.

In base alle ultime sentenze, per la sola conferma dell’amministratore in carica è sufficiente la maggioranza ordinaria prevista dal 3° comma dell’art.1136 c.c. ( 1/3 dei partecipanti al condominio, i quali devono rappresentare 333,34 millesimi ).
A dire il vero, la conferma dell’amministratore in carica è cosa  ben diversa da quella della nomina e della revoca in quanto è rielezione dello stesso nella carica precedentemente ricoperta per la cui deliberazione è sufficiente la maggioranza prevista dal 3° comma dell’art. 1136 c.c.

Probabilmente, essendo venuti a conoscenza che per la conferma non occorre più la maggioranza del 50%+1 e 500 millesimi, si è pensato di convocare l’assemblea nuovamente.

Di solito l’ordine del giorno prevede:

– o la revoca e la successiva nomina, quindi immancabilmente 50%+1 e 500 millesimi

– oppure conferma o nomina, in caso di conferma 1/3 e 333,34 millesimi in caso di nomina del nuovo, invece, 50%+1 e 500 millesimi

Cordialmente

Geom. Oreste TERRACCIANO

Precedente Citofoni, ingiusto addebito, cosa fare? Successivo Spese condominiali dopo acquisto all’asta

Un commento su “Conferma amministratore, maggioranze

  1. Luca il said:

    in Italia la giurisprudenza non fa “legge”, quindi quello che conta è il Codiec Civile, poi se a qualcuno non garba deve rivolgeri al Tribunale…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.