Condominio privo di tabelle millesimali

Edificio con esclusivamente attività commerciali. Obbligo di impianto antincendio con bocchette annesse. Costituito condominio per tale impianto e per il pagamento di una bolletta comune dell’acqua e del giardiniere per taglio siepe. Non ci sono tabelle millesimali. Condomini non trovano accordo per suddivisione spese (acqua, taglio siepe e compenso amministratore) e rifiutano ben tre tabelle millesimali. Alcune spese sono state anticipate dall’amministratore.

Come devo comportarmi? Mi rivolgo al tribunale? Grazie

Buon giorno.

Si tratta di un condominio molto particolare, visto che ben 3 ipotesi di tabelle millesimali sono state scartate senza alcuna soluzione alternativa.

Il compenso dell’amministratore, l’eccedenza dell’acqua causata dall’annaffiatura del giardino, il servizio di giardinaggio, ma direi, anche l’impianto idrico/fognario e l’impianto di illuminazione, sono spese per le quali sarebbe opportuno che la ripartizione avvenisse per valori millesimali di proprietà e non in parti uguali.

Quindi la sua ipotesi di rivolgersi al giudice perché ne disponga l’elaborazione e le imponga, poi,  con una sacrosanta sentenza, è corretta, anche perché il giudice ripartirà i costi tra tutti.

Non perda tempo e si rivolga ad un avvocato.

Cordialità

Geom. Terracciano

Precedente Edifici autonomi da gestire congiuntamente Successivo Dissenso rispetto al regolamento di condominio assembleare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.