Condominio: l’amministratore deve essere unico

assembleaBuongiorno, fino a poco tempo fa il condominio nel quale abito era amministrato da un condomino che si è rivelato molto poco oculato nella gestione del condominio stesso e, cosa ancor più grave, che si è appropriato dei vari fondi formati nel tempo svuotando del tutto il c/c bancario del condominio. E’ stato sfiduciato e si è impegnato a rimborsare il mal tolto, cosa che peraltro anche se è presto per dirlo, sinora ha effettivamente iniziato a fare.
Al suo posto, dopo una brevissima gestione da parte di un amministratore esterno, siamo stati nominati amministratori con prescrizione di firma congiunta io e un altro condomino che come me eravamo consiglieri di condominio che peraltro nulla sapevamo della condotta non proprio esemplare tenuta dal vecchio amministratore.
Anche alla luce delle disposizioni che impongono che entro 30 gg. dalla nomina l’amministratore la comunichi ufficialmente all’Agenzia delle entrate, ci è stato detto da alcuni che non è prevista la nomina di due amministratori. E’ effettivamente così? Se Lei mi confermasse ciò, come pensa dovremmo comportarci io e l’altro amministratore?
Dovremmo indire una nuova assemblea per la nomina di un nuovo unico amministratore o che altro?
Resto in attesa di un Suo gradito riscontro e intanto la saluto cordialmente.

Egregio Dottore, buongiorno.
La tesi dell’unicità numerica dell’amministratore è sostenuta da vari giuristi, autori di testi specifci che riguardano la materia condominiale, e dalla stessa Cassazione con la sentenza n. 11155 del 24.12.1994, e, ancor prima, con la sentenza del 28.4.1939, in base alla formulazione letterale dell’art. 1129 del codice civile: << …l’assemblea nomina UN AMMINISTRATORE >> che si applica al condominio, diverso sarebbe se si trattasse di comunione.
Per la comunicazione, poi, all’Agenzia delle Entrate, se il suo riferimento è al modello AA5/5, questo serve per la richiesta di codice fiscale intestato al Condominio, in quanto lo stesso è Sostituto di Imposta.
Per quanto riguarda la delibera, ebbene bisogna soltanto prendere atto che è NULLA sotto tutti gli aspetti, quindi deve essere riconvocata l’assemblea per la nomina.
Mi ritenga disponibile per l’eventuale iter da seguire.
cordialmente

Precedente Fossa biologica comune sostituita da una fossa settica a metà: com'è possibile? Successivo Spese per cause precedenti all'acquisto: deve pagare il venditore

2 commenti su “Condominio: l’amministratore deve essere unico

  1. Zaccuri Giacomo il said:

    Vivo in un condominio nato, UNICO, composto da uno stabile e due scale all’interno di un recinto murario , un cancello carraio e cancelletto. Esiste un unico regolamento di condominio e l’area
    condominiale è in comune con tutti. Esso, per anni è stato amministrato da un unico amministratore. Dimessosi , ha trasferito all’amministratore della scala B il cod. fiscale del condominio. mentre
    la scala A ha provveduto a nominare altro amministratore . E’ legale una situazione del genere?
    Due assemblee, due gestioni amministrative, due c/c postali e altro? Grazie

    • condominioaiuto il said:

      PER Zaccuri Giacomo
      NO, è assolutamente ANOMALO, la mia meraviglia riguarda i due amministratori per NULLA professionali……., **ACCHIAPPANO** tutto a prescindere.
      Hanno forse appurato lo scioglimento del condominio con tanto di DELIBERA approvata?
      Il condominio è UNICO ed UNICO rimane, perché non si rivolge ad un avvocato e poi al Mediatore civile?
      Lei ha ragione eccome!!!
      Saluti
      Geom. Oreste TERRACCIANO

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.