Condominio costituito ma non formalizzato

Buongiorno, Le chiedo cortesemente, se può indicarmi come “trasformare” un palazzina in condominio. La costruzione era nata per ospitare una sola famiglia anche se strutturata in tre appartamenti di diverse grandezze; il vecchio proprietario ha venduto a tre proprietari diversi ( me compresa), i rapporti sono cordiali e assolutamente amichevoli, in quanto oltre a me, nello stabile vivono una signora di 84 anni ed un uomo di 40 anni diversamente abile.

Diciamo che per ovvi motivi la gestione burocratica dello stabile è stata affidata a me, e quindi vorrei muovermi in maniera corretta e trasparente.

Attualmente l’energia elettrica destinata al condominio ha la bolletta intestata a me personalmente e la palazzina non è coperta da assicurazione.

Vorrei trasformare in condominio lo stabile(ho letto che basta essere più di due proprietari), so che devo chiedere il codice fiscale; quindi le chiedo quale documentazione devo produrre e a quale ufficio devo presentarmi (presumo ufficio delle entrate). RingraziandoLa fin d’ora per l’attenzione che vorrà porre alla mia domanda. Cordialmente saluto

Gentile lettrice, buon giorno.

Indubbiamente il CONDOMINIO è regolarmente COSTITUITO, bisogna soltanto FORMALIZZARLO con la nomina sua ad amministratrice, così, delibera assembleare alla mano si potrà recare presso l’Agenzia delle Entrate e chiedere il CODICE FISCALE intestato al condominio.

Cosa fare è presto detto:

Deve convocare FORMALMENTE l’assemblea, ovvero deve far pervenire agli altri due partecipanti l’AVVISO di convocazione assemblea, sia in prima che in seconda convocazione, specificando ora e luogo dove si svolgerà l’assemblea.

Di solito ci si riunisce in seconda convocazione, quindi per la prima convocazione metta un orario insolito, ad esempio ore 13,00, così andrà deserta, mentre in seconda convocazione metta pure un orario che soddisfi le esigenze di tutti e tre.

Il luogo, essendoci un disabile, può essere presso di lei o presso l’abitazione del disabile o della condomina di 84 anni.

Consegna a mano la convocazione facendosi firmare la ricevuta di consegna da lei approntata.

All’Ordine del giorno metterà questo argomento:

FORMALIZZAZONE CONDOMINIO CON NOMINA RAPPRESENTANTE DEI CONDOMINI

Dalla data di consegna AVVISO alla data dell’assemblea deve far trascorrere 5 giorni liberi, nel senso che non deve tenere conto della data di consegna avviso né di quella dell’assemblea, per cui i giorni, in pratica, diventano 7.

Se la data di consegna avviso, ad esempio, è 15/05/2014, deve prevedere il giorno 22/05/2014 come data assise.

Acquisti, edizione Buffetti e/o Pirola, il REGISTRO DEI VERBALI, inoltre acquisti il blocchetto degli AVVISI convocazione assemblea e il blocchetto ricevute.

Sto descrivendo una situazione di piena legalità visto che è lei che intende muoversi in tal senso, per cui non posso che apprezzare i suoi intenti.

Una volta redatto il verbale di assemblea da dove risulterà la sua nomina a rappresentate del condominio, quindi riportando i suoi dati anagrafici, il suo Codice Fiscale, faccia firmare la delibera agli altri due condomini e copia alla mano si rechi presso l’AdE per richiedere il codice fiscale intestato al condominio, ci sarà da compilare un modulo.

Ottenuto il codice fiscale potrà provvedere a volturare le utenze COMUNI e non solo, provvederà a compilare, sua scorta dei costi fissi, un bilancino preventivo che presenterà in una assemblea apposita per l’approvazione, deliberando anche le modalità di riscossione.

Tutto ciò che può essere di interesse comune può proporlo ed eventualmente farlo approvare con le dovute maggioranze, o UNANIMITA’ o due su tre se un condomino non è d’accordo.

Sarebbe quanto mai opportuno, dato che gli appartamenti sono di grandezze diverse, proporre anche l’elaborazione delle tabelle millesimali, elaborazione che non dovrebbe superare le 500 euro per un geometra.

Con le tabelle ognuno paga secondo il proprio valore del’immobile rispetto all’edificio.

Per assicurare lo stabile con la polizza GLOBALE FABBRICATO,occorreranno maggioranza numerica e 500 millesimi.

Cordialità

Geom. Terracciano

Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Canoni in discesa del 3% a Roma Successivo Nomina amministratore, maggioranze

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.