Comprare casa all’asta è sempre più conveniente

Se il mercato delle compravendite immobiliari è fermo a causa della crisi economica che ha reso ancor più difficile l’erogazione del credito per la casa, chi vuole comprar casa oggi potrebbe rivolgersi alle aste.

Moltiplicate le aste giudiziarie – La crisi economica e la conseguente maggior difficoltà ad onorare le rate del mutuo, fa andare all’asta sempre più immobili, facendo abbassare i prezzi d’aggiudicazione.

Le case vengono battute all’asta al 45% della valutazione iniziale – All’asta un immobile parte con il valore della perizia e poi ci sono i rilanci. Se la gara va deserta il giudice abbassa il valore della base d’asta. Ed oggi i prezzi delle case battute all’asta sono davvero bassi. La Stampa ha calcolato che dal 2007 ad oggi lo sconto medio fra la valutazione iniziale del perito del tribunale e il prezzo finale è andato sempre più aumentando. Nel 2007 (ultimo anno pre-crisi) era del 15%, per salire al 30% nel 2010 e al 45% nel 2012. Con tutte le variabili regionali, lo sconto massimo si pratica sulle isole e in Calabria, giungendo al 55%, mentre al nord e in generale nelle grandi città come Roma, si scende al 35% grazie alla presenza di mercati più liquidi .

Leggi ancora per approfondire su Facebook

 

Precedente Ripartizione spesa lavori straordinari e compenso percentuale Successivo Amministratore incompetente

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.