Come ripartire le spese

Gentile Geometra Oreste buonasera, sono 2 anni che vivo a Rimini ed avrei necessità di capire come si dovrebbero calcolare e suddividere le spese in un condominio composto da scantinato, piano rialzato 2 appartamenti metratura diversa, primo piano 2 appartamenti di cui uno doppio si estende al 2 piano, secondo piano un altro appartamento insieme all’estensione del appartamento del primo piano , ultimo piano appartamento mansarda. Nel condominio c’e’ l’ascensore .Non c’e’ un amministratore aspetto sue indicazioni nell’attesa porgo cordiali saluti

Buona sera lettore.

Da geometra le dico subito che l’assemblea, formalmente convocata, deve deliberare di conferire l’incarico ad un geometra libero professionista per la elaborazione e formulazione delle tabelle millesimali e deliberare che le spese, in attesa dell’approvazione delle tabelle, saranno PROVVISORIAMENTE ripartite in parti uguali, salvo conguaglio a posteriori.

Il costo del geometra per la elaborazione delle tabelle non dovrebbe essere superiore alle 150 € a condomino.

L’approvazione, poi, si può deliberare a maggioranza.

Non c’é altro modo e l’elaborazione richiede grande preparazione professionale, in quanto sono molti i coefficienti che incidono sulla formulazione.

Cordiali saluti

Geom. Oreste TERRACCIANO

Leggi per approfondire il problema su facebook

Precedente Assemblea disastrata Successivo Grande e in ottimo stato, la casa ideale degli italiani

3 commenti su “Come ripartire le spese

  1. Gianluca il said:

    Buon giorno geometra,
    mi inserisco nella discussione per chiederle se, nel caso in cui il condomino che intende subentrare nella proprietà dell’ascensore, sia proprietario di due unità immobiliari (una al piano terra e una al piano primo indipendenti tra loro), debba calcolare la quota di proprietà in proporzione alla somma dei millesimi di proprietà generale delle due unità o solo di quella posta al primo piano e quindi utilizzatrice dell’impianto elevatore.
    La saluto cordialmente,
    Gianluca

    • oreste terracciano il said:

      PER GIANLUCA
      Gianluca buon giorno.
      Se c’è oltre all’uso reale dell’ascensore, anche quello potenziale, ad esempio l’uso dell’ascensore per recarsi sul terrazzo per un motivo COMUNE qualunque a tutti, allora l’immobile del piano terra concorrerà solo per la sua quota pari al 50% dei millesimi di proprietà in quanto l’altezza del piano è uguale a zero, ovvero coefficiente zero, diversamente non deve pagare nulla.
      Buona giornata
      Geom. Terracciano

    • oreste terracciano il said:

      PER GIANLUCA
      Se l’unità immobiliare posta a piano terra può essere soggetta ad un uso potenziale dell’ascensore allora è bene concordare una sola percentuale di concorso spese, invece, per l’appartamento al primo piano si va per millesimi.
      Saluti
      Geom. Terracciano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.