Coibentazione tetto a causa del sottotetto

Sig. Oreste buona sera!
sono la sig. R., avrei un quesito da porle poiché vivere nel condominio è davvero difficile quando l’amministratore è un ………….ebbene, nel lontano 1974  mio padre acquistò  nel condominio dove già avevamo  un appartamento (V piano) delle soffitte (VI piano) già trasformate in un unico  piccolo appartamento dal costruttore,  per le stesse  fece la domanda di  cambio d’uso  in abitazione. Il Comune diede consenso accettando la  domanda. Il quesito  è questo:  la parte di tetto  che copre l’ appartamento di mia proprietà  (che è la continuità di quello dei lavatoi condominiali) è unicamente di mia responsabilità  o di competenza condominiale poiché funge da tetto a tutto  la  parte  coperta ? Se è così posso chiedere al condominio di effettuare una coibentazione dello stesso a causa di dispersione energetica? In attesa di una sua sollecita quanto cortese risposta le invio cordiali saluti.


Gentile lettrice, buona sera.

Il quesito da lei esposto riguarda una parte dell’edificio che si chiama sottotetto, reso abitabile in un momento successivo alla costruzione dal costruttore e acquistato da suo padre, al quale incombeva l’onere di accatastamento e l’onere di regolarizzare le pratiche comunali.

Così, come in pratica, è avvenuto.

Detto questo, quando si parla di coibentazione del tetto che funge da copertura al sottotetto, detto intervento di  coibentazione, magari con cappotto termico o con altro prodotto, ritengo che debba essere eseguito dall’interno e non dall’esterno e non solo, ma ritengo, inoltre, che la spesa debba essere sostenuta interamente dal proprietario del sottotetto, in questo caso da suo padre.

La dispersione energetica non può essere una giustificazione tale da costringere il condominio ad intervenire, al limite avrebbe dovuto pensarci il costruttore quando ha trasformato il sottotetto in abitazione, per cui si può agire nei suoi confronti per vizio costruttivo.

Non sono un avvocato, ma difficilmente mi sbaglio su questi argomenti, comunque, onde dissipare qualunque ragionevole dubbio, la invito a contattare un avvocato, meglio se condominialista e ascoltare il suo illuminato parere.

Poi, volendo, mi terrà informato.

Cordialmente

Geom. Terracciano

Precedente Danni da infiltrazioni Successivo Realizzazione posti auto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.