Cambio ditta per le pulizie condominiali

Buongiorno, leggendo su Soldionline la sua rubrica vorrei esporre quanto segue ed avere una risposta in assemblea tenutasi nel mese di giugno si era deciso di disdire l’impresa di pulizie perchè ormai da anni scontenti di come erano fatte io proposi una signora rumena che avrebbe poi decurtato l’imoprto dalla sua quota visto che abita nello stesso palazzo l’amministratore, benche questi signori hanno la partita iva e avrebbero quini potuto rilasciare fattura non ha accettato perche la partita iva non era specifica come impresa di pulizia per questi e altri motivi i signori desistono, incontrando io stessa l’amministratore e chiedono in merito lui mi dice “se questi signori non mi danno una risposta io chiamo qualcun altro” torno dalle vacanze e trovo che l’impresa è sempre la stessa perche lui puo decidere mi dice una signora e quindi ha confermato l’impresa di cui eravamo scontenti dopo averli ripresi ora sono dieci anni che abito qui e la situazione di riprenderli non ha mai fatto cambiare le cose ne siamo stati avvisati quindi mi sento presa in giro attendo una sua risposta su cosa fare e poi parlare con l’amministratore sia oralmente che con lettera per chiedere di rispettare cio che è stato deciso in assemblea grazie per la risposta.

Assunta

Gentile signora Assunta, buonasera.

Indubbiamente l’amministratore non ha avuto un comportamento corretto dal momento che l’assemblea aveva espresso tutto il proprio dissenso sulle pulizie eseguite dalla ditta appaltatrice del servizio. Devo ritenere che sia stato frenato dal periodo estivo, quindi dall’impossibilità pratica di richiedere nuovi preventivi ad altre ditte del settore.

Ora, gentile signora, sulla scorta delle notizie assunte al suo rientro dalle vacanze, ritorni sull’argomento, ma senza scrivere alcuna lettera, perchè, le posso assicurare, che le lettere indirizzate all’amministratore, lasciano il tempo che trovano. Può fare di più, ed in questo le posso assicurare tutto il mio sostegno pratico. Poichè siete tutti scontenti di come si sono evoluti i fatti, possiamo provare a richiedere la convocazione dell’assemblea, ai sensi dell’art. 66 delle DD.AA. cod.civ., all’amministratore, basta che lei mi dia conferma della disponibilità degli altri condomini a firmare la lettera da inviare all’amministratore, da me impostata, per questo sono sufficienti almeno due condomini che rappresentino 1/6 del valore dell’edificio, dicasi 167 millesimi. Mi faccia sapere, diversamente possiamo studiare una forma che non sia la convocazione, magari una lettera che le imposterò, ma da fare firmare a tutti i condomini e/o alla maggioranza di essi. Cordiali saluti

Precedente Richiesta preventivi per lavori: quali sono i compiti dell'amministratore? Successivo Luce delle scale ad orari: è possibile?

2 commenti su “Cambio ditta per le pulizie condominiali

  1. Silvia il said:

    Nel mio condominio non siamo soddisfatti dalla ditta delle pulizie che vi lavora dal 1995. Vorremmo che venissero fatte da una signora Romena che lavora gia` per altri condomini. Come possiamo fare?
    Grazie

  2. salve signora … possiamo venire noi a lavorare nell condominio ci sono delle brave ragazze che lavorano .. da tanti anni in pulizia delle scale … per ogni chiarimento chiamate al … 389 789 7280 ! grazie 1000

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.