Attivazione ascensore condominiale: a chi compete?

Salve, sono il proprietario da fine giugno di un appartamento in un parco di nuova costruzione classe en. A di 25 condomini. La contatto in quanto stiamo riscontrando molti problemi e incertezze circa l’amministrazione da parte della parte amministratrice, che ora provvederò ad elencare e gentilmente le sarei grato se riusciste a darmi delucidazioni in merito anche con relative normative del cv laddove si ritiene opportuno:

1) a chi spetta l’ attivazione degli ascensori?

2) con il contratto di acquisto degli ascensori dovremmo avere come da normativa ( che non ricordo il num) anche 12 mesi di garanzia con inclusa anche la  manutenzione ordinaria?

3) esiste un tariffario riguardo il  compenso di un amministratore?

4) facendo riferimento alla legge sulla trasparenza, all’amministratore spetta esibire tutte i contratti e le bollette in  formato originale e non su un semplice pezzo di carta?

5)sempre secondo questa legge ci sarebbe un modo per la notifica di tutte le info inerenti i condomini che sostituirebbe lo spreco in denaro relativo alla comunicazione via  raccomandata postale? Le sarei grato se riusciste a delucidarmi un pò le idee. Grazie cordiali saluti

attivazione ascensore condominiale
Attivazione ascensore condominiale: a chi spetta?

Caro lettore buon giorno.

Sarebbe stato molto più prudente ROGITARE solo e soltanto dopo che il costruttore avesse espletato tutte le pratiche relative ai servizi  e impianti comuni condominiali, purtroppo accade di sovente che taluni acquirenti, pur di risparmiare l’affitto, preferiscono andare ad abitare in un complesso ancora cantierizzato.

Sicuramente non è il suo caso, per cui determinati costi, invece di aggiungerli al prezzo convenuto per l’acquisto dell’immobile, vengono richiesti solo a posteriori, quindi non c’è da meravigliarsi più di tanto se la persona di fiducia del costruttore, immagino che l’amministratrice sia stata imposta dal costruttore, svolga un tipo di amministrazione del tutto personalizzata.

Lei ha detto che il parco è composto da 25 PARTECIPANTI ma non ha chiarito se sono ivi residenti tutti, oppure ci sono ancora molte unità immobiliari invendute.

Non ha nemmeno specificato se c’è il regolamento di condominio contrattuale con annesse le tabelle millesimali, regolamento accettato al ROGITO e in esso richiamato.

Il compenso lordo annuo di un amministratore, dipende molto dalla città in cui opera, va dai 60,00 €  a condomino fino al doppio e oltre.

Quindi un condominio di 25 condomini dovrebbe sostenere un costo medio di 1.800 € lordi annui.

Comunque sono sicuro che le redini sono ancora salde nelle mani del costruttore, per cui non essendoci una maggioranza sia numerica che millesimale da parte degli acquirenti, si può solo parlare di COSTITUZIONE del condominio ma non di formalizzazione.

Comunque se chiarisce i miei dubbi tanto di guadagnato.

Cordiali saluti

Geom. Oreste TERRACCIANO

Precedente Ripartizione spese condominiali condotta idrica Successivo Oneri condominiali: il rifiuto verbale di pagarli ha valore?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.