Ascensore e collaudo

Gentilissimo Dott. Oreste la ringrazio per la sua disponibilità a rispondere a chi come me capita in mano a persone che non ti fanno capire nulla per quanto riguarda diritti e doveri dei condomini e dei costruttori.

La domanda è molto semplice:
Ho acquistato un appartamento di nuova costruzione dotato di ascensore al momento ancora senza collaudo.
Il costruttore aveva detto che al momento della costituzione del condominio avrebbe provveduto al collaudo e all’attivazione (parole del Novembre 2009).
A Giugno è stato costituito il condominio e nominato l’ amministratore un conoscente del costruttore (non avendo ancora venduto tutti gli appartamenti quest’ultimo ha la maggioranza e quindi l’ha scelto lui).
Nell’ultima riunione di ieri sera, 29/11/2010, invece sia l’amministratore che il costruttore hanno detto che il collaudo sarà a carico del condominio.
Non mi pare giusto visto che gli appartamenti sono stati consegnati con tutti i servizio funzionanti e a norma di legge (come scritto sui contratti d’acquisto).
Lei che ne pensa? Dove posso andare a ricercare una fonte scritta che mi permetta di contestare l’intenzione del costruttore di affibbiare il costo del collaudo a noi condomini?

Grazie di cuore

Egregio signor Flavio, buona sera.

Se mi consente il costruttore le aveva dato una informazione errata sulla costituzione del condominio, infatti la costituzione del condominio avviene nel momento in cui il costruttore, unico originario proprietario, decide di frazionare l’immobile vendendo la prima unità immobiliare.

Detto questo non si tratta di costituzione, bensì di formalizzazione del condominio, la quale avviene nel momento in cui il costruttore convoca la prima assemblea di condominio ove si nomina l’amministratore e si effettua poi il passaggio delle consegne da costruttore a condominio.

Amministratore che può anche essere proposto, in prima battuta, dal costruttore e nominato dall’assemblea con la maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno 500 millesimi, amministratore che, comunque, può anche essere revocato in ogni tempo dall’assemblea, così come dispone l’ex articolo 1129 del codice civile.

Per quanto riguarda, invece, il collaudo dell’ascensore, poiché, da quanto leggo, si è andati ad occupare gli alloggi quando l’edificio era ancora cantierizzato, ritengo che il costruttore possa pretendere che lo stesso lo paghino i condomini, mentre al costrutore spetta l’eventuale adeguamento del contatore trifase, nulla impedisce di pensare che un impianto come l’ascensore debba essere perfettamente funzionate e collaudato con tanto di rilascio del libretto.

Molto dipende da cosa è riportato sui rogiti, nel senso se tutto era dato per scontato.

Un avvocato può confermare o smentire la mia tesi.

I miei dubbi nascono dal fatto che si è andati ad occupare unità immobiliari in edificio ancora cantierizzato, per cui taluni oneri non erano ancora stati conteggiati dal costruttore.

Cordialmente

Geom. Oreste Terracciano

Precedente Trasmissione verbale assemblea Successivo Annullamento delibera

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.