Appalto deciso tra consiglieri e amministratore

Gentile Terracciano,
l’amministratore nell’ultima assemblea ha fatto verbalizzare testualmente:” l’assemblea all’unanimità stanzia euro 25.000,00 + Iva per impermeabilizzazione lavori lastrico solare da eseguirsi a cura della dittaY o della ditta X previo aggiornamento dei preventivi di cui alla precedente delibera del xx/xx/xxx -che prevedevano l’utilizzo di resina MAPEI O COVERCOL O AB RAPID INDEX – che sarà cura dei consiglieri e dell’amministratore richiedere . Identificata dai consiglieri la soluzione tecnica da adottare tale soluzione preventivate dalle ditte citate verrà presentata per la delibera assembleare prossima del mese di giugno”
premetto che:
1)Non viene allegato al verbale alcun capitolato a rettifica della precedente  delibera che comportava una spesa ben minore di 9.000,00 euro poichè era riferita solo alla riparazioni necessarie e localizzate .
2) una soluzione tecnica può essere presa con cognizione di causa  da esperti non certo dai consiglieri.
3) Per  i lavori  lastrico solare  che essendo  una parte vitale dell’edificio -da cui discendono responsabilità risarcitorie per tutti i condomini – non  sarebbe opportuno da parte dell’amministratore stipulare a garanzia  e tutela  dei  condomini una polizza postuma pluriennale per lavori urgenti di pronto intervento (come è consuetudine ) anche senza autorizzazione assembleare visto che nell’arco di 7 anni sono stati fatti lavori della medesima specie a quanto
pare mal eseguiti spendendo ingenti somme . Il modus operandi  dell’amministratore e ispirato a criteri di buona amministrazione?quale è il suo punto di vista? Grazie

Egregio lettore, buona sera, esordisco così:

<< Errare humanum est, perseverare è DIABOLICO!!!>>

Si è sbagliato in passato, si sta sbagliando ora, quindi si preparano ulteriori errori per il prossimo futuro.

La cosa che dovrebbe fare riflettere e respingerla al mittente, in quanto inaccettabile,  è la frase:<<……. ……… Identificata dai consiglieri la soluzione tecnica da adottare tale soluzione preventivate dalle ditte citate verrà presentata per la delibera assembleare prossima del mese di giugno”…..>>

La logica razionale, invece, impone una seria riflessione, nonché quella di  prevedere di istruire l’ITER procedurale, a cominciare dalla PERIZIA del tecnico peritale, comprendente relazione, capitolato e computo metrico, a finire all’appalto vero e proprio, procedendo a tappe nelle varie assemblee.

Il ruolo dei consiglieri NON è quello di decidere, in quanto questo ruolo è affidato all’assemblea SOVRANA, quindi si è frainteso il senso del loro impegno.

Il mio giudizio finale mette in “”castigo”” l’amministratore, in quanto non ha dimostrato capacità professionale, quindi è bene che lei, avendo focalizzato il problema, intervenga e convinca tutti i presenti che così facendo si butteranno dalla finestra altri bei soldini.

Bisogna nominare il perito e partire dalla perizia ancora prima di parlare di appalti.
Cordialità

Geom. Terracciano

Leggi ancora per approfondire su Facebook

Precedente Impugnazione delibera Successivo Manutenzione fontana pozzo artesiano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.